top of page
  • Vanessa Valenti

Organizzare il tuo viaggio low-cost a São Miguel, nelle Isole Azzorre, in 6 semplici mosse

Aggiornamento: 26 nov 2022

L'arcipelago delle Azzorre, situato nell'Oceano Atlantico, è composto da 9 isole tutte vulcaniche: la principale e più grande São Miguel, poi Terceira, São Jorge, Pico, Faial, Flores, Graciosa, Corvo e infine Santa Maria.

Sono isole di origine vulcanica, selvagge, verdissime e incontaminate: un vero paradiso per gli amanti della natura e dei viaggi attivi e avventurosi.

Qualsiasi isola scegliate di fare, le opportunità sono infine: dal trekking, al mare, e poi gli splendidi laghi, le terme naturali e una vasta scelta di attività marine.

Tra tutte le 9 isole, São Miguel è la più visitata essendo quella più collegata a livello di aerei, ma è anche la più grande e forse quella più ricca di attività, per questo noi abbiamo deciso di dedicarle l’intero viaggio ed esplorarla a fondo avendo solo una settimana di ferie e vi garantisco che è servita tutta - se siete interessati al nostro itinerario di una settimana a São Miguel, vi rimando al post dedicato São Miguel, Azzorre - la splendida Isola Verde: itinerario di una settimana

Per fare un giro di più isole io consiglio almeno 2 o 3 settimane, dato che gli spostamenti all’interno dell’arcipelago non è così agile: i tragitti in barca sono lunghissimi, e l’alternativa è prendere aerei interni.

Organizzare un viaggio fai da te alle Azzorre non è complesso: una volta deciso quali isole visitare, è tutta in discesa.

Vediamo i passaggi fondamentali e alcuni consigli per vivere al meglio il vostro viaggio alla scoperta delle isole Azzorre.


1. Occhio al Budget

Per prima cosa, parliamo di budget.. se ormai avete imparato a conoscermi avrete capito che il mio motto è: spendi poco e viaggia di più. Preferisco sempre di gran lunga risparmiare sui trasporti e l’alloggio ma godermi a pieno il luogo! In questo le Azzorre aiutano tantissimo: sono una metà davvero economica. Per intenderci: noi siamo state a São Miguel 8 giorni e 7 notti, e in totale abbiamo speso 680€ a testa in due - dentro ho inserito tutto: voli, noleggio auto e benzina, alloggio, cibo ed escursioni.

Per farvi un’idea dei prezzi:

  • Volo ∓ 200€ a/r

  • Alloggio ∓ 200 € a testa per una settimana

  • Noleggio auto 200-300€ per una settimana

  • Carburante - benzina 1,73€ al litro

  • Attività: quasi tutte gratuite, tranne le terme naturali (8-10€ l’una)

  • Escursioni in barca es: whale watching 50-60€

  • Pasti - colazione ∓ 5€, pranzo al volo ∓ 8€, cena ∓ 15€

Questi sono tutti prezzi approssimativi, ovviamente influenzati dal periodo in cui andate, dalle pretese che avete per l’alloggio e da dove e come mangiate.

In linea generale comunque le Isole Azzorre sono un posto semplice, umile e poco pretenzioso: gli alloggi sono semplici, così come i ristoranti e i piatti tipici. Le attrazioni sono praticamente tutte gratuite nonostante siano sempre forniti di servizi eccellenti, che qui in Italia possiamo solo invidiare. Per cui, se state cercando una metà economica per un viaggio epico, le isole Azzorre, ma soprattutto São Miguel è il posto giusto per voi.

Qualche consiglio generale per risparmiare durante la vostra vacanza alle Azzorre:

  • se volete risparmiare, concentratevi su São Miguel - gli spostamenti fra isole sono abbastanza costosi e São Miguel ha tutto ciò che potete volere dalle Azzorre, oltre che essere la più grande e la più ricca;

  • accontentavi di un alloggio semplice e funzionale, dando priorità agli appartamenti - scegliendo una casa avrete a disposizione la cucina, per eventualmente fare colazione prima di partire e prepararvi qualche spuntino, e non meno importante la lavatrice, che vi consentirà di risparmiare sul bagaglio;

  • viaggiate leggeri - pochi vestiti ma scelti accuratamente: non è luogo di movida o di locali eleganti, date la priorità a abbigliamento comodo e tecnico;

  • noleggiate un’auto e girate in autonomia senza affidarvi a chissà quali tour operator - le isole sono piccole e le strade ben fatte e segnalate, non avrete problemi;

  • scegliete un automobile piccola e di poche pretese: le strade sono tutte in ottime condizioni, non servono jeep o mezzi particolari;

  • scegliete sempre ristoranti e posti locali, dove servono cibo autentico e proveniente dalle isole stesse, in modo da vivere il luogo a pieno e risparmiare notevolmente - per dare un'occhiata ai piatti tipici delle Azzorre e dove potete trovarli a São Miguel, cliccate qui!

Ma ora andiamo a vedere nel dettaglio tutto ciò che vi serve sapere per organizzare un perfetto viaggio a São Miguel!


2. Scegliere il periodo giusto

Le isole Azzorre, grazie alla loro posizione, hanno un clima subtropicale oceanico che fa si che le temperature rimangano costanti pressochè tutto l’anno: lo sbalzo fra estate e inverno è minimo, con una media di 15/17 °C in inverno e 24/26 °C nei mesi più caldi.

In generale, il periodo consigliato per visitare le Azzorre e quindi anche l’alta stagione, va da Giugno a Settembre. Io sono andata nella seconda metà di Settembre - dal 15 al 22 Settembre - e non posso che consigliarvi caldamente questo periodo, che a mio parere ma anche sentendo quello che dicevano i locali, è decisamente il migliore.

A Settembre il clima è ancora eccellente, la media è di 23°C (la minima di notte è arrivata a 20°C) con sole cocente praticamente tutti i giorni; qualche sporadica pioggia la notte o nella parte più centrale dell’isola sulle montagne. Inoltre il flusso di turisti è già scemato: l’isola inizia a svuotarsi e a girarsi divinamente, rendendo l’atmosfera molto piacevole e tranquilla.

Webcam Meteo

A proposito di meteo, prima di partire sappiate che queste piccole isole hanno un clima molto variabile, anche durante la stessa giornata. Solitamente la mattina è sempre più nuvoloso, poi verso l’ora di pranzo il cielo tende a rasserenarsi. Purtroppo, anche d’estate, e quindi durante il periodo migliore per visitare questi luoghi, soprattutto nell’entroterra e sulle altura, le nuvole sono spesso basse e impediscono di godere delle meravigliose viste. Ho letto di tantissime persone che sono dovute tornare ad esempio al Miradouro do Grota do Inferno più giorni consecutivi prima di trovare il cielo sgombro e una buona visibilità.

Per questo motivo, durante le mie ricerche pre-partenza, ho individuato due siti che in tempo reale mostrano la visuale di vari punti di interesse tramite webcam: in questo modo prima di recarmi nei vari posti sapevo con anticipo che tempo c’era e potevo organizzare le giornate in base a questo. Così facendo, abbiamo sempre scelto i posti giusti nei giorni giusti, senza dover saltare o rimandare nulla.

Vi metto qui i due link:

P.S. Vi ricordo che il fuso orario rispetto all’Italia è di due ore indietro: quando ad esempio in Italia sono le 12, alle Azzorre sono le 10 del mattino.


3. Trovare il volo perfetto

TAP Air Portugal, volo per le Azzorre

Per raggiungere le Azzorre purtroppo non esistono voli diretti dall’Italia, bisogna per forza fare scalo in Portogallo.

Dall’Italia si può scegliere di volare con la compagnia di bandiera portoghese TAP Air Portugal facendo quindi scalo a Lisbona o Porto, per giungere poi direttamente a São Miguel o Terceira. Questa è l’opzione che abbiamo scelto noi in quanto mi permetteva di prenotare tutto con un’unica compagnia senza dover fare due acquisti separati, inoltre gli scali erano di un paio d’ore, niente di eccessivo. Anche a livello di prezzo direi rapporto qualità ottimo: abbiamo speso 205€ a testa a/r con incluso uno zaino a testa e il bagaglio piccolo da cabina incluso.

In alternativa anche Ryanair vola su São Miguel oppure potete prenotare due voli separati, uno per il Portogallo e successivamente un volo verso una qualunque delle isole dell’arcipelago, grazie ai collegamenti offerti da SATA Air Açores, la compagnia aerea delle Azzorre.

Se non avete i giorni di ferie contati si può anche pensare di volare o su Lisbona o Porto, fare 1 o 2 giorni in città e poi proseguire il vostro viaggio verso le Azzorre, o viceversa farvi tappa al ritorno. Se avessi avuto qualche giorno in più avrei fatto volentieri ritorno in una delle due: l’anno scorso, durante il nostro viaggio on the road in Portogallo, me ne sono letteralmente innamorata.

Se volete dare un’occhiata alle due città per scegliere dove fare scalo, vi lascio i link dei post dedicati:

Come dicevo prima, io ho prenotato con flyTAP e devo dire che mi sono trovata discretamente: pur essendo una compagnia di linea, non aspettatevi cibo e bevande gratis, lo stile della compagnia è sicuramente low cost e tutto è a pagamento, così come gli spazi in aereo sono minimi (es: Ryanair).

Questo è l’itinerario del mio viaggio:

GIO 15 SETTEMBRE BLQ 17:45 - LIS 9:40

LIS 12:40 - PDL 14:05

GIO 22 SETTEMBRE PDL 06:30 - LIS 09:45

LIS 13:10 - BLQ 16:50

Se avete bisogno di prenotare il parcheggio in aeroporto vi consiglio il King Parking, che è quello a cui mi affido sempre io: ci siamo sempre trovati benissimo. Il parcheggio si trova a 5 minuti di macchina dall’aeroporto di Bologna (ma ce ne sono anche a Milano, Roma e altri aeroporti d’Italia, controllate sul sito). I prezzi sono sempre molto convenienti, e il servizio navetta è sempre rapido ed efficiente!


4. Scegliere l’alloggio ideale

La questione dell’alloggio per me è sempre motivo di grandi ricerche e studio in quanto cerco di conciliare un buon prezzo, un’ottima posizione e i servizi minimi e indispensabili.

A São Miguel questa ricerca è stata influenzata da questi fattori nel seguente modo:

Ponta Delgada, São Miguel, Isole Azzorre, Portogallo
Ponta Delgada, São Miguel
  • per quel che riguarda la posizione, io vi consiglio fortemente di alloggiare a Ponta Delgada, è la città più fornita e collegata dell’isola, in un’ottima posizione grazie a cui si raggiunge ogni punto comodamente, ed è la città dove si trova anche l’aeroporto. Solitamente io sono una grande fan dei viaggi itineranti, in cui tendo a cambiare alloggio man mano che procedo con il mio itinerario, ma vi garantisco che qui non serve: l’isola è piccola, e facendo base a São Miguel si arriva benissimo ovunque senza dover guidare troppo;

  • la classica scelta hotel o appartamento - come già anticipato, nei viaggi un pochino più lunghi tendo sempre a preferire la seconda opzione, in modo da poter sfruttare la cucina e organizzarmi in autonomia almeno per la colazione e qualche spuntino/pranzo al sacco, in modo da risparmiare sia tempo che soldi. In questo viaggio inoltre, oltre alla cucina, l’appartamento aveva anche il bonus lavatrice, che in un luogo così umido, dove piove spesso e si fa molto trekking, è stata una manna dal cielo: facendo una lavatrice a metà settimana abbiamo risparmiato tantissimo sulla valigia;

  • check-in e check-out in autonomia, per non dipendere dagli orari degli host;

  • come sempre preferisco spendere poco in un alloggio in cui fondamentalmente passo solo il tempo a dormire: mi importa davvero poco di dove dormo e preferisco spendere di più nel godermi il viaggio.

Dopo tutte queste considerazioni abbiamo prenotato tramite AirBnB l’appartamento Loft delle Azorre dal 15 al 22 Settembre per 310€ in totale in 2 (per cui 155€ a testa).

La posizione è eccellente: a 3 minuti a piedi dal noleggio auto, a 10 minuti a piedi dalla piazza principale e a 8 minuti di taxi dall’aeroporto. Inoltre nella strada si trovano tantissimi parcheggi gratuiti.

Il Loft è piccolino: ideale per 1-2 persone, ha un letto singolo da cui sotto esce un’altro letto. A parte questo gli spazi sono ottimi, la casa è pulitissima, completamente accessoriata e super fornita, con tutto il necessario per cucinare, sale, olio e pepe, biancheria per il bagno e per il letto, lavatrice, bagno, un ripostiglio, e anche un piccolo cortile interno dove stendere i vestiti. Il wifi è gratuito e la connessione è molto buona.

Un’altra cosa che ho super apprezzato di questa scelta, oltre all’ottimo rapporto qualità-prezzo, è stata la possibilità di fare il check-in e il check-out in autonomia grazie a una cassetta di sicurezza con codice fuori dalla porta.

Il proprietario è André ma l’appartamento è gestito da sua madre Rosa, una signora gentilissima, sempre disponibile su whatsapp anche per consigli logistici.

Se siete interessati all’appartamento, vi lascio il numero di Rosa +351 919 979 545 che è stata così carina da lasciarmelo in modo da poter prenotare direttamente con lei senza le commissioni di siti intermediari.


5. Decidere come muoversi a São Miguel

Noleggiare un auto

A mio avviso l’unico modo per visitare davvero bene, in piena libertà e comodità São Miguel, e le isole Azzorre in generale, è quello di noleggiare un’auto.

Qui vi elenco rapidamente le motivazioni:

  • praticamente ogni punto d’interesse è difficile da raggiungere con i mezzi pubblici e prenotare escursioni organizzate con il trasporto incluso è costoso e parecchio limitante;

  • la velocità con cui spesso cambia il tempo richiede una notevole flessibilità nei programmi e nell’itinerario, cosa che un’auto garantisce pienamente;

  • l’ampia varietà delle cose da fare e da vedere sull’isola fanno sì che la mattina possa servire un abbigliamento da trekking pesante, e il pomeriggio telo, infradito e costume. Per questo motivo, avere una propria auto permette di avere sempre il cambio pronto a disposizione;

  • le strade a São Miguel sono eccellenti, nuovissime, larghe e poco trafficate, oltre che ben distribuite per cui guidare è davvero semplice; solo in qualche punto d’interesse in cui bisognava scendere le scogliere abbiamo incontrato qualche stradina stretta con curve a gomito, ma nel complesso la viabilità è ottima;

  • guidare alle Azzorre è un’esperienza entusiasmante, rilassante e incredibilmente appagante: distese di colline verdi, cespugli di ortensie, mucche al pascolo e incredibili vedute sull’oceano.

Noleggiare un auto a São Miguel, Isole Azzorre

I prezzi delle auto alle Azzorre sono piuttosto abbordabili: noi abbiamo prenotato online con qualche mese di anticipo sul sito AVIS che a São Miguel e nelle altre isole è gestita dalla compagnia locale Ilha Verde (volendo potete prenotare anche qui direttamente).

Dopo qualche riflessione abbiamo deciso di non ritirare la macchina in aeroporto ma direttamente in centro città dato che siamo arrivate tardissimo, a mezzanotte, per cui ritirare l’auto a quell’ora comporta una sovrattassa non indifferente (stesso discorso per il ritorno, avevamo il volo la mattina prestissimo e avremmo dovuto pagare un surplus anche in quell’occasione). In questo modo abbiamo risparmiato quasi un giorno intero di noleggio, prenotando dal 16 al 21 Settembre, e abbiamo scelto l’alloggio in virtù di questo, in modo da dover fare poche centinaia di metri a piedi per arrivare al ritiro dell’auto.

Abbiamo speso 218€ (109€ a testa) in totale per 6 giorni pieni di noleggio per una Ford Fiesta a benzina con cambio manuale. Con un pieno di 60€ abbiamo girato tutti e 6 i giorni - vi ricordo che la benzina sta a 1,73€ al litro (aggiornato a Settembre 2022).

Per guidare alle Azzorre (Portogallo) è sufficiente la patente italiana o comunque una qualsiasi patente Europea.

Prendere un Taxi da e per l’aeroporto

Avendo quindi scelto di ritirare l’auto in centro città a Ponta Delgada, abbiamo preso un Taxi da e per l’aeroporto.

Il tragitto aeroporto - Appartamento delle Azzorre è di 10€ in due (8€ senza valigie) - il tragitto è di circa 8-10 minuti per cui è una spesa decisamente ragionevole.

Per il ritorno l’abbiamo prenotato telefonicamente utilizzando il numero sul tabellone dell’aeroporto che vi riporto qui sotto insieme alle varie tariffe a seconda della destinazione.


6. Fare una valigia tattica

Siamo giunti all’ultimo e forse più importante dei punti di questa mini guida su come organizzare un perfetto viaggio a São Miguel: cosa mettere in valigia!

Vi assicuro che la valigia per le Azzorre è stata una delle valigie più difficili della mia vita: ero totalmente in crisi avendo un bagaglio piccolo e vista l’imprevedibilità e la mutevololezza del meteo.

Alla fine, grazie anche alla lavatrice, sono riuscita addirittura a riportare a casa alcuni vestiti senza averli mai usati, per cui mi ritengo abbastanza soddisfatta.

A cose fatte vi posso dire che le temperature sono in realtà abbastanza costanti, non c’è sbalzo termico per cui non è così difficile come pensavo.

Seguite questi pochi consigli e andrete benissimo:

  • portate una scarpa comoda da ginnastica o un modello da trekking per il giorno: praticamente qualsiasi cosa facciate alle Azzorre, c’è da camminare, spesso in salita, e spesso nella natura - cliccate qui per scoprire quali fantastici percorsi fare a São Miguel. Io sono andata con le scarpe da ginnastica ma se tornassi indietro opterei per quelle da trekking senza ombra di dubbio;

  • portate le scarpette da scoglio: vi saranno utilissime a Ilhéu de Vila Franca e volendo anche nelle cascate se avete intenzione di fare il bagno;

  • non dimenticate un cappellino, gli occhiali da sole e la protezione solare - quando c’è il sole picchia davvero tanto, soprattutto nell’escursione in barca per il whale watching;

  • portate un impermeabile da tenere sempre nello zaino - come abbiamo già detto il tempo è davvero mutevole, cambia spesso durante il giorno e anche in base al luogo;

  • tenete sempre nello zaino una felpa - salendo in altitudine è sempre più fresco e una felpina può sempre servire; sinceramente io oltre alla felpa ho sempre tenuto, in caso di evenienza, anche un paio di pantaloni lunghi e devo dire che più volte si sono rivelati utilissimi;

Poca da Dona Beija, São Miguel, Isole Azzorre, Portogallo
  • portate il costume da mare e tenetelo sempre nello zaino, per le spiagge e Ilhéu de Vila Franca, ma anche per le numerose sorgenti termali - per quel che riguarda le sorgenti, vi consiglio caldamente di prendere un costume vecchio, preferibilmente nero, a cui non tenete particolarmente, perchè molto probabilmente si macchierà di giallo a causa del ferro presente nelle acque termali;

  • portate un telo da mare e anche questo tenetelo sempre nello zaino; anche in questo caso vale lo stesso discorso del costume - sceglietene uno che si possa sporcare;

  • partite con uno zaino comodo con cui girare sempre - io ho il North Face Borealis ed è stato perfetto, sono riuscita a tenere sempre tutto il necessario.

In linea generale comunque optate per abbigliamento sportivo, comodo e traspirante: d’estate di giorno è sufficiente un pantalone corto e una tshirt e la felpa in caso di necessità, mentre la sera jeans lunghi e una maglietta a maniche lunghe perché tende a essere più fresco.

Ad ogni modo il segreto in questo viaggio secondo me è avere un buono zaino e tenerci sempre: felpa, pantalone lungo, impermeabile, costume, ciabatte e telo da mare.


Bene, siamo giunti al termine di questa breve guida in 6 semplici passi per organizzare un perfetto viaggio a São Miguel, nelle Isole Azzorre.

Vi ho parlato di tutte le cose che sono state fondamentali per me prima di partire con l’aggiunta di tutte le considerazioni fatte a posteriori: se per caso aveste altre domande o curiosità, non esitate a contattarmi o a commentare qui sotto. Se l’articolo vi è piaciuto e vi è stato utile, lasciate un like!

Se invece siete interessati a saperne di più su cosa fare e vedere a São Miguel vi rimando al post dedicato - São Miguel, Azzorre - la splendida Isola Verde: itinerario di una settimana

Per dare un'occhiata ai piatti tipici delle Azzorre e dove potete trovarli a São Miguel, cliccate qui!

Per approfondire il discorso camminate e trekking sull'isola, date un'occhiata al post dedicato - Trekking a São Miguel, nelle Isole Azzorre, tra vulcani, foreste e cascate


Buon viaggio!



195 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti