• Vanessa Valenti

AMSTERDAM – How to fall in love with A'dam in 72 hours

Aggiornamento: 24 set

October 2019

EBMT, nursing study day, Amsterdam

Torno ad Amsterdam per la seconda volta, questa volta per lavoro: il nostro Istituto ci ha mandate a partecipare a un convegno infermieristico EBMT (European Society for Blood and Marrow Transplantation) che si è tenuto il 4 Ottobre nella capitale olandese.

Ero già stata qui nel 2017 per 3 giorni con una delle mie migliori amiche, e avevamo già girato parecchio, quindi l’obiettivo di questa toccata e fuga ad Amsterdam era quello di sfruttare al massimo il tempo a disposizione prima e dopo il convegno per fare da cicerone alla mia collega che non c’era mai stata e mostrarle più cose possibili.

Vediamo quindi come muoversi ad Amsterdam low budget e nel più breve tempo possibile senza perdersi le mete principali di questa meravigliosa capitale.


Per sapere come ho pianificato il mio viaggio ad Amsterdam, scoprire come muoversi nella città ed avere altre informazioni utili clicca qui.


Canali di Amsterdam

3 Ottobre 2019

Grazie alla partenza del volo alle 6:20 da Bologna siamo riuscite a giungere in centro ad Amsterdam di buon ora e fatto l’abbonamento per i trasporti ci siamo dirette verso l’albergo con il tram (linea 17 partenza davanti alla stazione Amsterdam Centraal). Check-in rapidissimo, disfatti i bagagli e ci siamo subito dirette in centro per pranzare e sfruttare al meglio la prima giornata, dato che il giorno seguente avremmo avuto il convegno dalla mattina presto fino a tardo pomeriggio.

Ci siamo spostate a piedi attraversando i Canal Rings dirigendoci verso Pancakes Amsterdam Negen Straatjes, un ristorante di Pancake olandesi in cui avevo già mangiato la scorsa volta e che mi era piaciuto da impazzire – per saperne di più su cosa e dove mangiare ad Amsterdam clicca qui e leggi l’articolo sui miei posti preferiti.

Koninklijk Paleis, Amsterdam

Ovviamente io sono la solita fortunella e, ancora prima di arrivare in hotel, ho fatto cadere l’Iqos rompendola, quindi ci siamo dovute fermare nello store ufficiale per supplicare il commesso a farmela sostituire. Incredibile ma vero, in neanche 20 minuti ci siamo riuscite senza pagare nulla. Risolto questo piccolo inconveniente che poteva decisamente rovinarmi la permanenza (☺) siamo ripartite attraversando i canali del quartiere Jordaan e passando da Kalverstraat, la via dei negozi e dando il via allo shopping, fino a raggiungere Piazza Dam, la piazza principale di Amsterdam, su cui si affacciano il Koninklijk Paleis, De Nieuwe Kerk, Madame Tussauds e il National Monument.

DAMRAK, Amsterdam

Da qui abbiamo proseguito sul Damrak, la via principale di Amsterdam, dove troverete moltissimi negozietti di souvenir e caffetterie dove fermarvi, tra cui un grandissimo Starbucks.

Noi abbiamo fatto una breve, brevissima sosta (2 ore) da Primark – perdonateci, ma siamo donne! Tre piani di shopping low budget da cui ovviamente siamo uscite con borse piene di cose inutili.

Quartiere a luci rosse, Amsterdam

Da qui abbiamo proseguito verso la stazione di Amsterdam Centraal, a cui vale davvero la pena dare uno sguardo, per poi addentrarci nel Red Light District, ormai ad orario di cena. Passeggiando fra le viuzze abbiamo spizzicato gustando cibo di strada, fra cui le famosissime patatine fritte che dovete assolutamente provare. Costeggiando il canale ci siamo dirette di nuovo verso l’albergo, passando di fronte ai numerosi Coffee Shop e Sexy Shop, in cui ovviamente non potevamo non entrare.


↠ MUST SEE :

AMSTERDAM CANALS

⤷ Jordaan: il quartiere Bohemien di Amsterdam, quello degli artisti, uno dei più pittoreschi della città. Qui troverete schiere di case belle da morire e vi perderete fra passato e locali alla moda, ritrovo di moltissimi giovani. Se capitate di Sabato o Lunedì mattina fate un salto a Noordmarkt dove si tiene l’omonimo mercato (Mercato del Nord), un mercatino bio davvero caratteristico dove troverete migliori prodotti alimentari bio (di Sabato), fra cui ostriche fresche e torte, mentre di Lunedì gli stand espongono invece tessuti, libri, dischi, abbigliamento nuovo e usato, ricordi d’altri tempi ed oggettistica moderna.

⤷ Casa di Anna Frank: purtroppo non sono mai riuscita ad andare, i biglietti erano sempre sold out nelle date in cui sarei stata ad Amsterdam. Per questo, se siete interessati ad andare, ricordatevi che i biglietti d'ingresso sono disponibili esclusivamente online sul sito ufficiale a 12.50€ : vi consiglio di prenotare il biglietto a fascia oraria con almeno 2 mesi di anticipo per non rischiare di trovare tutto esaurito.

Old Amsterdam Cheese Shop

⤷ Kalverstraat: la via dello shopping di Amsterdam, qui potrete trovare le marche più conosciute come Top Shop, Bershka, Urban Outfitters e tanti altri, oltre a negozi più tipici come l'Old Amsterdam Cheese Store.

Piazza Dam: la piazza principale di Amsterdam, non potete non attraversarla e dare uno sguardo ai magnifici edifici che vi si affacciano.

Koninklijk Paleis: è il palazzo reale e si affaccia su piazza Dam e viene utilizzato dal sovrano d’Olanda per cerimonie ufficiali e celebrazioni, ma quando non vi sono ricorrenze particolari può essere visitato nel suo splendore barocco. Se volete visitarlo all’interno il prezzo è di 10€ e comprende l’audioguida.

⤷ De Nieuwe Kerk: la Chiesa Nuova di Amsterdam, anche se in realtà tanto nuova non è dato che la sua costruzione risale a ben 600 anni fa! Entrata a pagamento a 12.50€.

Madame Tussauds, Amsterdam

» Madame Tussauds: noi non siamo andate, il prezzo è abbastanza elevato (19,50€ online), per vedere delle statue di cera, e comunque eravamo già entrambe state, io a Londra e Valentina a New York; se avete solo qualche giorno a disposizione, sinceramente penso che meriti più vedere altre cose più caratteristiche.

National Monument: si trova in piazza Dam ed è il luogo di fronte a cui, ogni 4 maggio (la scorsa volta sono capitata in città in questo giorno) si tiene la cerimonia del Ricordo dei morti per commemorare le vittime della seconda guerra mondiale e dei successivi conflitti armati.

⤷ Amsterdam Centraal: la stazione centrale di Amsterdam, costruita in stile gotico-rinascimentale, merita una visita a prescindere dai mezzi pubblici; è il punto iniziale per iniziare le vostre passeggiate nel centro della città.


Amsterdam Canals

04 Ottobre 2019

Body World, Amsterdam

Il Venerdì è trascorso al convegno EBMT ma una volta terminato, a metà pomeriggio, siamo tornate in centro scendendo dal tram ad alla fermata Amsterdam Dam, difronte al Magna Plaza, un centro commerciale simile alla Rinascente o ad Harrods, un edificio magnifico assolutamente da vedere. Di

qui siamo tornate sul Damrak per dirigerci alla mostra Body World: io c’ero già stata a Bologna anni fa, ma Valentina voleva tanto vederla, per cui abbiamo deciso di andare e ci siamo godute questo tour interattivo, ideale per rimanere in linea con la professionalità di quella giornata!


CONDOMERIE, Red Light District, Amsterdam

Una volta terminata la visita, abbiamo attraversato il Damrak e ci siamo incamminate verso il Red Light District, facendo un giro nella Condomerie, passando davanti a de Oude Kerk e dirigendoci a piedi verso l’hotel per una doccia e riposarci prima della serata.

Fresche e cariche per la nostra vera notte ad Amsterdam, abbiamo raggiunto il Red Light District in tram scendendo ad Amsterdam Centraal e poi a piedi fra le viuzze del Quartiere a Luci Rosse. Qui abbiamo placato la fame al The Grasshopper – per saperne di più su cosa e dove mangiare ad Amsterdam clicca qui e leggi l’articolo sui miei posti preferiti – per poi esplorare la zona, passando davanti alle famose vetrine di Amsterdam, dove solo la sera potrete vedere le prostitute in abiti succinti aspettare clienti da tutto il mondo.

The Bulldog Amsterdam

Costeggiando il canale e addentrandovi nelle viette non potrete non sentire l’inconfondibile aroma di marijuana proveniente dai famosissimi coffee shop. Fra i più famosi ovviamente il The Bulldog Amsterdam, in cui non potete non entrare! Ce ne sono più di uno, fra cui l’hotel e il negozio di souvenir. E’ sempre molto pieno, soprattutto la sera, quindi se non trovate posto non disperate, ci sono tantissimi altri coffee shop nella zona!

Non lasciatevi fuorviare dal nome di questo magnifico quartiere, perché davvero il Red Light District è una delle tappe obbligatorie della capitale: fatevi conquistare dalle luci, i colori, e la vita notturna tipiche di questo quartiere che si divide fra il vecchio e il moderno. Sicuramente merita una visita sia di giorno che di sera!


↠ MUST SEE :

⤷ Magna Plaza: si tratta dell’ex ufficio postale centrale di Amsterdam, ora convertito in un maestoso centro commerciale simile ad Harrods o alla nostra Rinascente italiana. Dentro troverete prestigiose marche di accessori, cosmetici e abbigliamento, oltre che un food hall.

⤷ Body World: è il famoso museo del corpo umano dove potrete ammirare corpi imbalsamati donati alla scienza e scoprirne i segreti con tanti spazi interattivi. E’ stato divertente, ma se avete poco tempo in città vi consiglio di optare per altro, questo potete trovarlo anche in Italia. Io ho acquistato il biglietto all’ultimo nel tragitto in tram su booking.com a 16€ l’uno (prezzo scontato rispetto all’acquisto in loco). Durata della visita: circa 1h o poco più.

Red Light District, Amsterdam

⤷ Red Light District: il quartiere della perdizione per eccellenza, da vedere almeno una volta nella vita. Di giorno sembra una normale zona centrale di Amsterdam, ricca di canali e villette antiche, ma di notte si trasforma fra luci rosse, prostitute in vetrina, sexy shop e coffe shop.

⤷ Condomerie: è il primo negozio di preservativi al mondo, all’interno troverete solo questi per tutti i gusti e le esigenze. Vale la pena fare un giro e magari comprare qualche souvenir stravagante! Ricordate che all’interno non è consentito fare foto!

⤷ de Oude Kerk: la Chiesa Vecchia, è la più antica di Amsterdam e sorge nella pittoresca piazza acciottolata Oudekerksplein, accanto al canale, con una perfetta collocazione da cartolina, che vi riporterà indietro nel tempo di molti secoli. Sebbene vi vengano ancora celebrate funzioni religiose, nell'edificio c’è anche un museo. Entrare vi costerà 5,50€, mentre l’accesso alla torre 4,50€.

The Bulldog Amsterdam, Coffee Shop

⤷ The Bulldog Amsterdam: si tratta del primo coffee shop di Amsterdam ed è famosissimo in tutto il mondo, oltre che ormai simbolo della capitale Olandese. Una tappa obbligatoria per ogni turista, qui potrete fumare cannabis e gustare un Space Cake (brownie al cioccolato ed erba) o semplicemente una birra. Ci sono più locali, uno dei quali è un hotel, mentre un altro il negozio di gadget.

⤷ XtraCold Icebar Amsterdam: ci siamo passate davanti a piedi tornando a casa dal Red District, sinceramente non mi ha mai entusiasmato l’idea, se provate fatemi sapere! Per chi non lo conoscesse, è un famoso bar presente in più città in Europa, fatto interamente di ghiaccio all’interno che vi costerà 26€ a persona con 3 drink inclusi, oltre che l’abbigliamento adatto.

⤷ Red Light Secrets: stravagante museo nel Red Light District aperto fino a notte fonda (chiude a mezzanotte), si tratta del museo della prostituzione, ospitato nell’ex bordello cittadino. Ci sono andata una sera la scorsa volta e mi sono divertita tantissimo. Se volete passare una serata diversa dalle altre ed immergervi a pieno nel clima del quartiere, questo è il posto giusto. Potrete conoscere la storia del lavoro sessuale nei Paesi Bassi per 12,50 €.


Red Light District by night, Amsterdam

05 Ottobre 2019

Bloemenmarkt, Amsterdam

Ultimo giorno della nostra permanenza ad Amsterdam con volo di ritorno la sera alle 21:00, quindi abbiamo avuto tutto il giorno a disposizione per goderci la città. Sveglia presto, check out e, lasciate le valigie in reception, ci siamo dirette a piedi verso Bloemenmarkt, il mercato dei fiori. Non potete andare ad Amsterdam senza passare di qui e perdervi fra schiere e schiere di tulipani coloratissimi. Il mercato è piccolino, in mezz’oretta riuscite a vederlo tutto, e passeggiando troverete numerosi localini in cui fare colazione. Il mio preferito è T’ Singeltje Pancakes, c’ero già stata e ci sono tornata, e sicuramente ci tornerò. Adoro questo posticino – per saperne di più su cosa e dove mangiare ad Amsterdam clicca qui e leggi l’articolo sui miei posti preferiti.

Da qui abbiamo proseguito a piedi costeggiando i canali per arrivare ad Amsterdam Centraal, di fronte a cui si trova il punto di partenza delle LOVERS Canal Cruises: un tour in barca nei canali di Amsterdam che vi permette di ammirare i principali punti di interesse della città comodamente seduti.

RIJKSMUSEUM, Amsterdam

Dopo il giro in battello ci siamo dirette verso Museumplein, il quartiere dei musei, con l’intenzione di noleggiare una bicicletta vicino al nostro hotel, in modo da poter fare un giro a Vondelpark e della zona in maniera un po' più veloce, riconsegnare la bici, recuperare le valigie e raggiungere l’aeroporto senza correre.

Purtroppo per noleggiare la bicicletta c’era moltissima fila quindi abbiamo lasciato stare, ma è un’esperienza che consiglio tantissimo, quindi organizzatevi per tempo per non finire come me!

A questo punto abbiamo raggiunto a piedi il Rijksmuseum che abbiamo solo attraversato nella splendida galleria grazie a cui giungerete al meraviglioso giardino che una volta ospitava la famosissima scritta: IAMsterdam. Non cercatela per mezz’ora, come ho fatto io: l’hanno ritenuta rischiosa a causa di persone che ci si arrampicavano sopra e l’hanno rimossa, la troverete solo davanti all’aeroporto di Schipol.

VAN GOGH MUSEUM, Amsterdam

Per visitare il Rijksmuseum ci vogliono ore, che noi non avevamo, e sinceramente non siamo amanti di quel tipo di arte, quindi abbiamo deciso di passare oltre. Poco più avanti sulla sinistra si trova il Van Gogh Museum che espone oltre 200 delle sue opere, compresi paesaggi, nature morte nonché disegni e lettere, insieme alle opere di suoi contemporanei. Ci sono stata la scorsa volta e non mi ha entusiasmato, ma ribadisco che non sono un’esperta né un‘amante dell’arte, però resta uno dei musei più visitati del paese e per chi non è mai andato sicuramente vale la pena farci un giro.

Lungo il parco troverete alcuni negozietti di souvenir e dei barettini che vendono street food da consumare seduti nel parco o camminando, in cui noi ci siamo fermate approfittando della giornata di sole fino all’orario per cui avevamo prenotato online sul sito ufficiale la visita al MoCo Museum. Questo museo per me è stata un’esperienza meravigliosa e molto divertente, con opere impegnate, moderne e affascinanti. Ve lo consiglio assolutamente!

MoCo Museum, Amsterdam

Uscite dal MoCo abbiamo iniziato a tornare verso l’hotel passando per Vondelpark, che potrete attraversare anche in bicicletta per giungere a Max Euweplein dove troverete l’Hard Rock Cafè di Amsterdam da dove è possibile gustare la propria consumazione osservando il romantico via vai delle imbarcazioni sul canale, o semplicemente comprare qualche gadget della famosa catena – per saperne di più su cosa e dove mangiare ad Amsterdam clicca qui e leggi l’articolo sui miei posti preferiti.


↠ MUST SEE :

TULIPS IN Bloemenmarkt, Amsterdam

⤷ Bloemenmarkt: è uno pittoresco mercato dei fiori galleggiante sul canale Singel ed è la meta ideale per comprare souvenir, tulipani e bulbi di ogni tipo. I fiori e le piante vengono esposte su delle chiatte che dall’esterno sembrano veri e propri negozi, variopinti e profumati. Le chiatte sono messe in fila una dopo l’altra come a formare una “normale” via dello shopping con un negozio dopo l’altro.

Amsterdam Canal Cruise

⤷ Lovers Canal Cruises: troverete diverse agenzie che offrono questo servizio, io entrambe le volte ho scelto LOVERS. Ho prenotato sempre su Booking.com spendendo 20€ in due (prezzo scontato rispetto all’acquisto in loco); le barche a energia solare partono ogni 30 minuti e il tour dura circa un’ora. Ci sono diverse opzioni per il tour, anche serale, con cena a bordo, noi abbiamo scelto quella sulla barca semi-scoperta essendo una bella giornata; a bordo vi verranno consegnate delle cuffie monouso che collegherete appena avrete preso posto e che vi permetteranno di ascoltare in ben 19 lingue a vostra scelta una spiegazione dettagliata di tutti i luoghi che vedrete e della storia di Amsterdam. E’ un’esperienza tipica della città, che non potete mancare, vi permette di vedere molti luoghi in poco tempo.

⤷ Rijksmuseum: si tratta della galleria d’arte nazionale e vi permetterà un viaggio nella storia - dell’arte - olandese dal Medio Evo fino al XX secolo in un contesto internazionale, lungo un percorso cronologico allestito su quattro piani del museo in 80 sale. Qui troverete molte opere di artisti fiamminghi, fra cui Rembrandt. Il museo è aperto ogni giorno con orario 09:00-17:00 ed accessibile al costo di 20€ a testa se acquistato online, se riuscite online spendete meno.

Van Gogh Museum, Amsterdam

⤷ Van Gogh Museum: tra le opere possedute vi sonI mangiatori di patateLa camera di Vincent ad Arles e una delle varie realizzazioni de I Girasoli. I biglietti li potrete acquistare in loco o online selezionando la data e l’orario, considerate che avete mezz’ora per entrare dall’orario scelto. Il costo è di 24€ con l’audio guida, 19€ senza; io vi consiglio di andare presto la mattina o a metà pomeriggio per non imbattervi in orde di turisti.

MoCo Museum, Amsterdam

⤷ MoCo Museum: si tratta di un museo d’arte contemporanea situato a Villa Alsberg che dedica particolare attenzione ai personaggi radicali e agli artisti che influenzano i nuovi movimenti del mondo dell’arte come la Street Art e la Pop Art. Troverete artisti come Andy Warhol, Jeff Koons, Keith Haring, KAWS e JR. La collezione comprende opere d’arte moderna e contemporanea, e vanta una serie unica di opere di street art di Banksy. Prenotando online eviterete la fila alla biglietteria e risparmierete, pagando 12.50€ a testa invece che 15€.

⤷ Vondelpark: il parco è all'incirca di forma rettangolare e progettato secondo lo stile inglese; qui potete trovare giardini, laghetti, fontane, aiuole, spazi per giochi per bambini, alcune statue, tantissimi tipi di piante e di alberi, oltre che animali. Nel parco si trovano inoltre un teatro all'aperto (Openluchttheater), vari bar e ristoranti in cui potrete fermarvi a riposare o a godervi l’aria aperta.


Bloemenmarkt, Amsterdam

↠ MUST SEE extra:

Altre due mete che vale la pena non perdere sono l’Heiniken Experience e l’A’DAM Lookout, in cui sono stata la scorsa volta. Considerando la giornata in cui noi eravamo impegnate con il convegno, riuscite sicuramente a inserirli nei vostri tre giorni nella capitale olandese.

HEINIKEN EXPERIENCE, Amsterdam

⤷ Heiniken Experience: la vecchia fabbrica dell’Heineken è una tappa imperdibile per gli amanti della famosa bionda d’Olanda. Un must per tutti i visitatori, un’esperienza multisensoriale che vi permetterà di annusare, osservare, toccare ed assaggiare una Heineken in tutti i passaggi del suo processo di fabbricazione. Noi ci siamo divertite tantissimo, se siete amanti della birra non potete non passare di qui.

HEINIKEN EXPERIENCE, Amsterdam

All'interno del museo troverete un percorso interattivo che si svolge in diverse fasi. Armati di un braccialetto verde iniziate la vostra visita, accompagnati da una guida che vi illustrerà il processo di produzione della birra, dalla lavorazione degli ingredienti base al prodotto finale. Troverete anche una sala intrattenimento con numerosi giochi interattivi e simulazioni in 3D, lo shop dove acquistare gadget e accessori e per finire, salirete sulla terrazza panoramica dove potrete godere di una bellissima vista su tutta Amsterdam.

Un po’ di fila all’ingresso, quindi se potete, acquistate il biglietto online a 18€; la visita dura circa un’ora e mezza, ma un consiglio: evitate la visita di prima mattina, le birre potrebbero farsi sentire.

A'DAM Lookout, Amsterdam

⤷ A’DAM Lookout: si tratta della piattaforma panoramica situata all’ultimo piano della A’DAM Toren, la torre di 22 piani che spicca sul fiume IJ con la sua personalità innovativa.

Si sale in cima con un ascensore ultra moderno e velocissimo per godere dell’esperienza unica di ammirare la città a 360 gradi e per i più temerari consiglio assolutamente un giro sull’altalena più alta d’Europa! Sarete legati ai sedili con cinture di sicurezza e oscillerete avanti e indietro oltre il limite della piattaforma ad una emozionante altezza di quasi 100 metri! La sensazione di volare e di essere catapultati sulla città mentre si dondola sospesi in aria è un'esperienza adrenalinica che vale la pena fare una volta nella vita. Io soffro di vertigini ma sono comunque salita e lo rifarei altre mille volte, non fatevi spaventare e provate!

La A’DAM Lookout è a pagamento e il biglietto include anche l’accesso ad una interessante mostra interattiva sulla storia e la cultura di Amsterdam (12,50€ online), anche l’esperienza delle altalene è a pagamento e vi costerà 5€. Noi avevamo pagato anche per le fotografie interattive, un ricordo carino dell’esperienza!

MA'DAM Skybar, Amsterdam

Vi segnalo inoltre il MA'DAM, lo skybar e ristorante panoramico della A'dam Lookout dove potrete semplicemente bere un aperitivo oppure cenare ammirando Amsterdam a 360 gradi dalla grande vetrata del locale  – per saperne di più su cosa e dove mangiare ad Amsterdam clicca qui e leggi l’articolo sui miei posti preferiti.

L’A’DAM Lookout si trova di fronte ad Amsterdam Centraal dall’altra parte del fiume IJ, che potrete attraversare con il battello gratuito.


AMSTERDAM BY NIGHT

Per sapere come ho pianificato il mio viaggio ad Amsterdam, scoprire come muoversi nella città ed avere altre informazioni utili clicca qui.

173 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti