top of page
  • Immagine del redattoreVanessa Valenti

Come organizzare un viaggio on the road in Alsazia: itinerario completo e tutto ciò che devi sapere

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, l’Alsazia è una meravigliosa regione della Francia nord-orientale, vicino al confine con la Germania e la Svizzera.

A causa della sua posizione è stata contesa per secoli da Francia e Germania, che ne hanno influenzato cultura, cucina e tradizioni che si fondono così in un mix franco-tedesco incredibilmente affascinante e dal tocco anche un po’ fiabesco.

L’Alsazia infatti ti catapulterà dentro i cartoni di Walt Disney, e non a caso: proprio questi piccoli paesini, fra vicoletti ciottolati, casette colorate, boulangerie e balconate piene di fiori hanno ispirato gli autori della Disney e fungendo da ambientazione per film come la Bella e la Bestia.

L’Alsazia offre diversi itinerari in base ai propri interessi: è una meta perfetta per un itinerario in auto o in bicicletta fra villaggi da favola e deliziosi borghi, oppure all’insegna di cantine e vitigni lungo la Route des Vins, ma che eventualmente ti dà anche la possibilità di sconfinare in poco meno di un’ora in Germania, per scoprire altri piccoli borghi tipici o la Foresta Nera.

Per organizzare un viaggio in Alsazia bisogna quindi anche avere ben chiaro cosa si vuole vedere, per poter pianificare l’itinerario e capire se è sufficiente un weekend lungo, come nel nostro caso, o se servono più giorni.

Noi cercavamo una destinazione che non implicasse prendere aerei, permettendoci di viaggiare con il nostro cagnolino King e devo dire che è una meta che si presta benissimo sia a un viaggio con gli amici a quattro zampe che con dei bambini!

Ma vediamo quindi un po’ di consigli pratici per organizzare un viaggio in Alsazia in on the road tra paesi fiabeschi e splendidi vigneti.


Strasburgo, Alsazia on the road
Strasburgo

Quanto tempo ci vuole per un viaggio on the road in Alsazia

Un viaggio on the road in Alsazia richiede almeno dai 4 ai 5 giorni di tempo per fare tutto con estrema calma.. dipende anche se hai intenzione di utilizzare la tua auto e raggiungere la Francia dall’Italia o se preferisci arrivare in aereo e poi noleggiare un auto.

Volendo, se sei bravo e ben organizzato, si può fare anche in un weekend lungo: noi abbiamo fatto questo itinerario per il ponte del 1 Maggio in 3 giorni e mezzo.

Non è stato propriamente un viaggio rilassante (più che altro perché da casa nostra - a Forlì - fino all’Alsazia sono circa 8 ore di auto senza considerare il traffico) ma non abbiamo neanche fatto le cose di fretta. Un giorno in più sarebbe stato perfetto, ma tutto dipende da cosa vuoi includere nel tuo itinerario.

On the road in Alsazia con la propria auto

Il nostro itinerario per un viaggio on the road in Alsazia

Noi siamo partiti da Forlì (in Emilia Romagna) per un on the road a bordo della nostra auto, attraversando la Svizzera per raggiungere la Francia.

Abbiamo fatto una tappa a Lucerna, in Svizzera, per spezzare il viaggio d’andata, dopo di che la nostra base per visitare l’Alsazia è stata Colmar, dove abbiamo alloggiato due notti.

Itinerario per un viaggio in auto in Alsazia

Ecco il nostro itinerario on the road in Alsazia:

In realtà l’ordine ideale e lineare sarebbe: Lucerna, Eguisheim e Colmar, poi Sélestat, Ribeauvillé, Riquewihr e Kaysersberg (che sono tutti e tre fra Colmar e Strasburgo) e infine Strasburgo. Si trovano tutti a poca distanza gli uni dagli altri, ma noi abbiamo fatto questa scelta in modo da dedicare una giornata piena a Strasburgo senza lasciarla per ultima, essendo la più lontana rispetto a casa e lasciando i 4 paesini più piccini dal più lontano al più vicino in modo poi da ripartire direttamente verso casa.

Come già accennato prima, dipende tutto da quanto tempo hai a disposizione e cosa ti interessa vedere: noi abbiamo scelto un itinerario centrato sui piccoli paesini fiabeschi.

Itinerario per un viaggio on the road in Alsazia
Itinerario per un viaggio on the road in Alsazia

Ecco tutte le nostre tappe un po’ più nel dettaglio:

  • Eguisheim, il paesino più amato dai francesi

Eguisheim è un paesino davvero incantevole, forse il più bello e affascinante di più di tutti e non a caso è anche il più amato dai francesi. Eguisheim è piuttosto piccolino, da visitare a piedi in un paio d’ore seguendo un percorso ad anello per finire nel piccolo centro pieno di ristorantini incantevoli e cantine in cui fare degustazione di vini.

  • Colmar, la Petite Venice

Colmar è il paese più famoso e senza ombra di dubbio il più incredibile: viene spesso paragonata ad una piccola Venezia, affacciandosi su dei piccoli canali in cui passano delle piccole barchette simili a delle gondole e le sue splendide casette colorate. Colmar è però anche la capitale dei vini d’Alsazia, una meravigliosa città storica ricca di un patrimonio culturale ineguagliabile, come la Cattedrale di San Martino.

  • Sélestat, il museo all’aria aperta

Il cuore storico di Sélestat è un vero museo all'aria aperta: la chiesa romanica di Sainte-Foy, quella protestante e la chiesa di San Giorgio che evoca la cattedrale di Strasburgo, le case e gli edifici medievali ma soprattutto la sua famosa Biblioteca Umanistica (una delle uniche due in Europa) che ospita opere del cinquecento e che testimoniano il ruolo principale di Sélestat durante il Rinascimento.

  • Ribeauvillé, la ridente cittadina medioevale

Ribeauvillé, immerso tra verdi colline e vigneti, è un paese dominato dalle rovine dei Tre Castelli dei Signori di Ribeaupierre e il suo grazioso centro è pieno di edifici storici risalenti al XV e XVIII secolo e disseminato di piazze rinascimentali decorate con ricche fontane.

  • Riquewihr, il paesino de La Bella e La Bestia

Proprio qui, in questo paesino silenzioso, è nata l’idea dell’ambientazione de La Bella e la Bestia. Se ricordi la scena in cui Belle esce di casa e passeggia nel paese leggendo il suo libro e cantando? Ecco, facci caso.. è inequivocabilmente Riquewihr!

  • Kaysersberg, la città fiorita

Il villaggio di Kaysersberg, attraversato dal fiume Weiss, è un gioiello medievale che si staglia fra colline ricoperte di vitigni. a 820 metri di altitudine. La cittadina vanta il titolo di Città Fiorita grazie ai suoi splendidi balconi e finestre fiorite che rendono ogni angolo una bellezza da immortalare.

  • Strasburgo, il capoluogo alsaziano e Capitale d’Europa

Strasburgo è stata una vera sorpresa: noi l’abbiamo amata.. è una di quelle poche città in cui ci piacerebbe vivere, totalmente a misura d’uomo, verde ma allo stesso tempo all’avanguardia, dove moderno e antico creano un connubio perfetto.

Strasburgo è la città che non ti aspetti: la splendida Cattedrale gotica che ti riporta al Gobbo di Notre Dame, ma anche l’incantevole Petite France, è una tappa obbligata. Si tratta infatti dell’angolo più fotografato del capoluogo, patrimonio mondiale UNESCO dal 1998. Ma Strasburgo è anche sede del Parlamento europeo e viene definita infatti la Capitale d’Europa.

  • Lucerna

Lucerna è stata una tappa bonus in questo viaggio che doveva servire esclusivamente per spezzare la strada in auto dell’andata, ma in realtà si è rivelata una piacevolissima scoperta!

Lucerna è una città del centro-nord della Svizzera, nella zona di lingua tedesca, ed è la capitale dell'omonimo cantone. Si tratta di una pittoresca città in una delle zone più belle della Svizzera, situata sulle sponde dell’omonimo lago e circondata dalle maestose Alpi Svizzere, nonostante le sue dimensioni contenute è piena di storia e architettura stupenda: il Ponte della Cappella, il Giardino dei Ghiacciai e l’imponente Monte Pilatus sono solo alcune delle meraviglie di Lucerna.


La Route des Vins (la Strada dei Vini) - Alsazia

La Route des Vins (la Strada dei Vini) è un itinerario lungo ben 150 chilometri che attraversa l’Alsazia da Thann a Marlenheim, attraversando la meravigliosa campagna tappezzata da vigneti, castelli arroccati e i coloratissimi villaggi che abbiamo appena visto, alla scoperta dei famosi vini alsaziani: Riesling, Pinot Blanc, Pinot Gris e Gewürztraminer.

La Route des Vins è sovrapponibile al nostro itinerario, con l'unica differenza che noi ci siamo concentrati sui paesini e non sulle cantine o il vino, anche se ti garantisco che ogni tanto un calice qua e là non l'abbiamo disdegnato! La strada dei vini in Alsazia è la strada del vino più vecchia della Francia: è attiva dal 1963 e si sviluppa ai piedi del massiccio dei Vosgi.


Dove dormire in un viaggio on the road in Alsazia

Come già anticipato, il nostro viaggio on the road in Alsazia è iniziato da casa nostra, a Forlì in Emilia Romagna.. si tratta di un viaggio in auto di più di 8 ore per cui, potendo partire solo il Venerdì poco dopo pranzo, abbiamo deciso di spezzare le ore di auto e trascorrere una notte a Lucerna, in Svizzera.

Sabato mattina, dopo una breve passeggiata nel centro di Lucerna, siamo ripartiti alla volta dell’Alsazia dove abbiamo scelto come base Colmar.

Se hai dato un’occhiata alla mappa dell’Alsazia e dei maggiori punti d’interesse allora ti sarai già accorto che Colmar è la migliore opzione in cui alloggiare: ti permette di raggiungere tutti i paesi in poco tempo ma soprattutto è la cittadina un po’ più grande e meglio fornita in termini di servizi e quindi anche di strutture, rivelandosi così una base strategica.

Se per il tuo on the road in Alsazia potessi disporre di uno o due giorni in più, allora ti consiglio di aggiungere una notte a Strasburgo, in modo da dedicarle qualche ora in più e ottimizzare le ore in auto.

Ora ti mostro dove abbiamo alloggiato noi - tieni a mente che abbiamo prenotato un paio di settimane prima e che si trattava del weekend del 1°Maggio, quindi i prezzi erano parecchio alti.. inoltre viaggiando con il nostro cagnolino King avevamo una scelta ridotta dovendo selezionare solo strutture che accettassero animali.

  • Lucerna

Barabas Luzern ☆☆ - 139€ per una notte per 2 persone + 10€ per il cane

Barabas Luzern

Il Barabas Luzern era la migliore opzione e quella più economica - si hai capito bene.. 139€ a notte era davvero l’opzione più conveniente quando abbiamo prenotato noi. Purtroppo la Svizzera è davvero molto costosa ma per noi fare una tirata unica e arrivare direttamente in Francia era davvero una tirata lunghissima e faticosa. Inoltre Lucerna si è rivelata una meta davvero carina e interessante, che non posso che consigliare nonostante i suoi prezzi spropositati.

Il Barabas è un hotel ospitato all’interno di un'ex prigione ristrutturata nel 2018 ma che ha mantenuto la struttura originale delle antiche celle a cui è stato aggiunto un bagno interno.

Barabas Luzern, Lucerna

Sicuramente un’esperienza insolita e da provare!

Le camere sono ovviamente piccole ma funzionali e con letti molto comodi! A parte il prezzo a noi è piaciuta molto, inoltre è in una posizione comodissima per girare a piedi il centro di Lucerna.

Se cercate un parcheggio comodo a Lucerna, vicino al centro storico e al Barabas Luzern, noi abbiamo scelto l’ltstad Parkhaus - costosissimo ma molto ampio e anche controllato: 11 ore ci sono costate la bellezza di 22€, ma non aspettatevi nulla di meno dalla Svizzera.


  • Colmar

Comfort Hotel Expo Colmar ☆☆☆ - 184€ per due notte per 2 persone + 8€ a notte per il cane

Comfort Hotel Expo Colmar

A Colmar i prezzi sono un po’ più contenuti rispetto alla Svizzera ma comunque non a ottimo mercato, soprattutto prenotando all’ultimo: Colmar è una meta gettonatissima in qualunque periodo dell’anno, soprattutto a Natale, per cui sempre meglio prenotare con largo anticipo. Quando abbiamo guardato noi questa era una delle poche strutture ancora disponibili a un prezzo abbordabile: in realtà ci siamo trovati molto bene, le camere sono spaziose, pulitissime e ben fornite, lo stesso vale per il bagno.. L'unico lato negativo è che si tratta di quegli hotel "business" un po’ fuori città e molto poco tipici.

Dovendo essere sinceri noi per primi abbiamo escluso hotel in centro città in modo da non avere difficoltà a parcheggiare l’auto e rendendo gli spostamenti agli altri paesi più comodi e agevoli. Alla fine è stata una scelta molto tattica che non rimpiango affatto!


Come raggiungere l’Alsazia

Le distanze in Alsazia non sono molto ampie e l’auto è sicuramente il modo più agevole per spostarvi da un luogo all’altro, rendendo l’Alsazia una regione perfetta per un viaggio on the road che preveda più tappe.

L’ideale è muoversi in auto (o in camper) o, nel caso di spostamenti minori e nella bella stagione, in bicicletta.

Alsazia in auto

On the road in Alsazia

Come appena accennato il mezzo che ti consiglio, che è l’unico che vi permette di muovervi agilmente da un posto all’altro, è la macchina. I paesini non sono molto distanti tra loro, ma dovete per forza muovervi in auto per raggiungerli.

L’auto ti garantirà piena libertà negli spostamenti e di sbizzarrirti nella costruzione del tuo itinerario inserendo anche più o meno vigneti e cantine o qualche castello.

Se anche tu parti dall’Italia allora quasi sicuramente passerai dalla Svizzera: mi raccomando sempre attenzione ai limiti di velocità e ricordati di acquistare la vignetta. Infatti in Svizzera le autostrade non si pagano man mano ai caselli come in Italia, ma per circolare su strade e autostrade è necessario avere la famosa vignetta autostradale che dovrai obbligatoriamente esibire sul parabrezza in alto a sinistra.

Alle frontiere controllano sempre e le sanzioni per chi non l’ha acquistata sono sempre salatissime; il costo della vignetta autostradale per la Svizzera nel 2023 ha un costo di 42€ ed è valida dal 1° dicembre 2022 al 31 gennaio 2024 (non esistono vignette autostradali giornaliere, settimanali o mensili) - lo so, costa tantissimo, infatti sarebbe l’ideale riuscirla a sfruttare per un altro viaggio prima della scadenza!

Potete tranquillamente acquistarla in autogrill poco prima della frontiera o eventualmente acquistarla online in anticipo sul sito ufficiale.

In Alsazia fortunatamente le autostrade non sono a pagamento e non avrai neanche alcun tipo di problemi con il parcheggio: ce ne sono tantissimi e belli grandi, spesso gratuiti o comunque non troppo costosi.

Nelle città principali ci sono vari parcheggi a diverso prezzo, in base alla vicinanza al centro storico, mentre nei villaggi solitamente troverai un grande parcheggio appena fuori dal centro storico, comodissimo.

Vi lascio qui qualche suggerimento sui parcheggi:

  • Eguisheim: subito fuori dal paesino c’è il parcheggio Mairie che costa 4€ per soste dalle 9:00 alle 19:00. LEGGI ANCHE: 5 borghi da favola da non perdere in un viaggio on the road in Alsazia

  • Colmar: noi abbiamo scelto il parcheggio Lacarre, a 5 minuti a piedi dal centro e per cui non abbiamo pagato nulla; LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Colmar, la Piccola Venezia francese

  • Strasburgo: selezionate su Google Maps “parcheggio gratuito” e troverete un piccolo parcheggio (non adatto a camper) non a pagamento vicino alla Moschea di Strasburgo. In una decina di minuti a piedi sarete in centro!

Alsazia in bicicletta

Se stai organizzando il tuo viaggio in Alsazia in estate, puoi decidere di noleggiare delle biciclette e spostarti tra i borghi e le cantine pedalando.

Quando siamo andati noi a Maggio c’erano tantissimi ciclisti e turisti che percorrevano la Route de Vins in bici lungo la ciclabile che arriva fino a Strasburgo e che segue tutta la Route!

Raggiungere l’Alsazia in aereo e noleggiare un auto

Se non ami guidare per lunghe distanze o il tuo punto di partenza è troppo lontano per pensare di arrivare in Alsazia con la tua auto, allora sappi che ci sono due comodi aeroporti per raggiungere questa regione volando.

Gli aeroporti di riferimento solitamente sono quelli di Basilea-Mulhouse a sud e quello di Strasburgo a nord, raggiunti ogni giorno dalle principali compagnie aeree.

Qui potrai tranquillamente noleggiare un'auto e creare il tuo itinerario personalizzato seguendo le stesse indicazioni che abbiamo appena visto qui sopra!


Quando andare in Alsazia

L’Alsazia è una regione semplicemente stupenda e che ha totalmente superato di gran lunga ogni mia aspettativa: me ne sono semplicemente innamorata e sarei molto curiosa di esplorarla durante il periodo natalizio. Mentre ero lì infatti mi sono chiesta come dovesse essere in inverno, con la neve, il profumo di spezie e di vin brulé che inonda i vicoli e fra i migliori mercatini di natale d’Europa che colorano le viuzze.

Non fraintendermi, quando siamo andati noi a inizio Maggio il tempo era magnifico e i colori semplicemente splendidi: la primavera dona moltissimo all’Alsazia, con fiori dappertutto, soprattutto i meravigliosi glicini lilla che colorano le strade, le vigne rigogliose e paesaggi belli da togliere il fiato. L’ho trovata una meta molto romantica, ideale per un viaggio in coppia, ma anche perfetta per le famiglie! Diciamoci la verità: l’Alsazia è una meta che si presta perfettamente a qualunque periodo dell’anno tu voglia grazie all’ampia gamma di possibilità e al diverso scopo che potete dare al viaggio.

In primavera il clima mite è perfetto per scoprire città e borghi e per pedalare lungo la Route des Vins, mentre in estate le giornate si allungano e potete sfruttare al massimo il tempo a vostra disposizione.

In autunno puoi abbinare le visite dei borghi e delle città ad alcune degustazioni nelle cantine locali durante il periodo della vendemmia: i colori caldi del foliage tingono i campi e i vitigni con sfumature dorate e rossicce.

A Dicembre l’Alsazia è una metà gettonatissima grazie alla magia del Natale, che però la rende preda di enormi folle che arrivano per visitare i mercatini di Natale in Alsazia, per festeggiare il Natale a Colmar e negli altri paesini alsaziani da favola.

Oltre alla folla di turisti l’unico inconveniente di questo periodo sono le temperature rigide ma niente paura: basterà una pausa in uno dei tanti localini addobbati e tra una fetta di torta e una tazza di cioccolata, ti scalderai in pochissimo tempo.

Quest'anno (2023) i mercatini di Natale di Colmar sono 6, tra cui un nuovissimo mercatino gourmet, e saranno aperti dal 23 di Novembre al 29 Dicembre.

Per saperne di più in merito a Colmar nel periodo natalizio allora LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Colmar, la Piccola Venezia francese

Natale a Colmar
Natale a Colmar

On the road in Alsazia con il vostro amico a quattro zampe

Se viaggi con il tuo amico a quattro zampe al di fuori dell’Italia e dentro i confini dell’Unione Europea allora devi sapere che gli animali domestici (cani, gatti e furetti) devono rispettare questi requisiti:

  • Microchip

  • vaccino contro la rabbia

  • aver subito un trattamento contro la tenia Echinococcus multilocularis, se la tua zona di destinazione fa parte di quelle non affette da tale tenia (Finlandia, Irlanda, Malta, Norvegia e Irlanda del Nord)

  • un passaporto europeo per animali da compagnia in corso di validità - può essere rilasciato da qualsiasi veterinario autorizzato dalle autorità competenti ed è valido per tutta la vita, a condizione che la vaccinazione contro la rabbia sia valida.

On the road in Alsazia con il cane

Una volta sistemate queste questioni burocratiche, sei pronto per partire alla volta del tuo on the road in Alsazia con il tuo amico a 4 zampe!

Per rendere il tuo viaggio perfetto e far stare comodo il tuo cagnolino in auto allora ti consiglio di provare il coprisedile per auto Pecute - da quando lo abbiamo provato i nostri viaggi in auto con King sono mille volte più sereni e ordinati!

Se il tuo cagnolino non regge più lunghe passeggiate come il nostro King allora ti consiglio lo zaino per cani Pecute: questo è quello che abbiamo noi, il modello grande per cani fino a 15kg, ma ce ne sono anche varianti per animali più piccoli. Purtroppo King non sta molto bene e da quando ci siamo attrezzati con questo comodo zaino (che lui ovviamente adora) riusciamo a portarlo con noi ovunque e serenamente.


Guide di Viaggio per l’Alsazia

Come al solito, prima di ogni viaggio che si rispetti, amo documentarmi e studiare dettagliatamente la mia prossima meta! In questo mi vengono sempre in aiuto le guide di viaggio Lonely Planet, che io personalmente adoro e colleziono minuziosamente!

Per un viaggio in Alsazia abbiamo diverse opzioni:

  • la Lonely Planet Francia settentrionale e centrale da pagina 366 ha sezione dedicata alla regione dell’Alsazia. La guida è molto aggiornata (è uscita nel 2022) e all’interno trovi anche altre destinazioni molto interessanti da cui trarre ispirazione per prossimi viaggi, come Parigi e dintorni, Normandia, Bretagna, Borgogna, Loira e Lorena.

  • lo special Leggendari viaggi on the road in Europa che da pagina 175 vi racconta l’itinerario “Tra le vigne: La Route des Vins d’Alsace”. La guida è recentissima, del 2023, e contiene 50 racconti di appassionanti viaggi on the road attraverso l'Europa e altri 150 suggerimenti per straordinarie avventure al volante.

Cosa e dove mangiare in Alsazia: specialità e prodotti tipici

Bretzel - cosa mangiare in un on the road in Alsazia
Bretzel

La cucina alsaziana risente tantissimo della vicinanza con la Germania: in Alsazia infatti la cucina francese si fonde con quella tedesca dando vita a un connubio incredibilmente delizioso e soprendentemente vario da gustare nelle tipiche winstub, le tavarne locali!

Ci sono infatti molti piatti e specialità in comune ai due paesi, soprattutto per quanto riguarda le pietanze a base di carne o i famosi bretzel, spesso serviti ripieni di formaggio.

Fra i piatti più famosi in Alsazia sicuramente la tarte flambée, una specie di pizza bianca molto sottile solitamente condita con panna acida o formaggio bianco, cipolle e pancetta, ma anche gli spätlze, un tipo di pasta simile ai gnocchi e solitamente cotto al forno.

Cucina Alsaziana - cosa mangiare in un on the road in Alsazia
Tarte Flambeé e Spätlze

Per gli onnivori impossibile non nominare la choucroute, un must della cucina alsaziana, dove i crauti sono i protagonisti insieme a diversi tipi di carne di maiale come salsiccia, pancetta e lardo e infine il baeckoffe, uno spezzatino preparato con manzo, maiale e agnello e patate e verdure di vario genere.

Il foie gras, ovvero il paté di fegato d’oca, è il simbolo della cucina alsaziana, precisamente di quella di Strasburgo oltre che essere uno dei piatti capostipite della cucina raffinata francese.

Fra i dolci i più buoni sono sicuramente lo streusel, una torta ricoperta di pasta realizzata con farina, burro e zucchero, aromatizzato alla cannella, il gugelhupf, una specie di panettone o ciambellone alto dalla forma caratteristica e il delizioso pain d'épices (il classico gingerbread): originario della città di Gertwiller è un pane fatto in Francia con una gran quantità di miele e alcune spezie tra cui anice ed eventualmente anche lo zenzero.

Vini in Alsazia

Fra i prodotti tipici non si può non parlare poi del famoso Munster, un formaggio tipico dell'omonima valle a sud di Colmar e il famoso e pregiato vino bianco alsaziano.

La specialità dell’Alsazia infatti è il vino bianco, caratterizzato dà un gusto fresco e leggero, adatto ad accompagnare i piatti della tradizione, molto sostanziosi e corposi.

Il Pinot Noir è tipico della zona di Strasburgo e da origine anche a rosè e vini rossi molto leggeri, ma anche il Riesling, aromatico e delicato, il Gewurztraminer, dall’aroma decisamente più corposo e infine il Pinot Gris ad alta gradazione alcolica.

Per sapere dove mangiare in questo viaggio on the road in Alsazia seguici nelle varie tappe del viaggio e scopri le migliori boulangerie, le winstube e i locali più interessanti!


Direi proprio che ora sei pronto per partire alla scoperta dell’Alsazia in un incredibile on the road in questa regione da favola!

Se vuoi approfondire le varie tappe di questo on the road in Alsazia qui sotto troverai tutto ciò che cerchi in merito ai magnifici paesi di questa regione.

Per qualsiasi dubbio o necessità non esitare a contattarmi nei commenti qui sotto o in privato!


Bon Voyage!

Post correlati

Mostra tutti
bottom of page