• Vanessa Valenti

Delizie francesi nella Città dell'Amore: cosa e dove mangiare a Parigi risparmiando

Aggiornamento: 3 mar

Quando viaggio una delle cose che più amo è provare la cucina tipica del luogo, dal dolce al salato, e diciamo che in questo senso Parigi regala grandi soddisfazioni. La cucina francese è deliziosa e l’offerta è vastissima, dal nazionale all’internazionale: noi abbiamo cercato di provare più cose possibile stando un minimo attenti anche al risparmio.. d’altronde si sa, la capitale francese non è famosa per essere economica.

Vediamo quindi cosa e dove mangiare a Parigi e qualche consiglio per risparmiare a tavola.


Boulangeries de Paris, Francia

Cibi assolutamente da provare a Parigi e che noi abbiamo amato:

  • Baguette

Partiamo dal classico, forse un po’ scontato, ma la Baguette è letteralmente uno dei simboli di Parigi e della Francia, ma un motivo ci sarà no? La Baguette che mangerete nella capitale francese è deliziosa, sempre soffice all’interno e croccante all’esterno, ogni giorno la troverete appena sfornata sia nelle boulangerie che nei supermercati. Assolutamente da provare, e visto l’esiguo costo (1-1,50€ l’una) è un’ottima soluzione per risparmiare.

  • Croissant e Pain au Chocolat

Altro clichè francese, ma che vi devo dire? Sono stra buoni, niente a che vedere con i nostri. I Croissant parigini sono giganti, sofficissimi e pieni di burro: una combinazione perfetta! Il Pain au Chocolat secondo me è ancora meglio, si tratta dell’impasto del Croissant ma a forma di quadrato arrotolato su barre di cioccolato. Secondo me decisamente imbattibile. In questo viaggio a Parigi sono stati la mia colazione fissa ogni mattina, e ho sicuramente assaggiato i migliori della mia vita. In alcune boulangerie li troverete nella variante con la banana: assolutamente da provare, deliziosi! I Croissant e il Pain au Chocolat sono soluzioni perfette per la vostra colazione a Parigi, li troverete a poco prezzo in tutte le boulangerie della città, e sono abbastanza sostanziosi da potervi saziare per tutta la mattinata.

  • Crêpes

Da quando ho prenotato il viaggio a Parigi non ho fatto altro che sognare il momento in cui avrei mangiato di nuovo le crêpes francesi, e non sono rimasta delusa. Le crêpes sono un simbolo della cucina francese, sia in versione dolce che salata: quelle salate sono un po’ sottovalutate ma secondo me battono le dolci alla grande, ma forse è solo questione di gusti Forse non tutti sanno che il nome deriva dal latino antico "crispus", ossia "arrotolato" proprio perché la pasta, una volta farcita, deve essere arrotolata ad arte su se stessa. In Francia è sicuramente un piatto tradizionale che turisti e parigini amano mangiare in ristoranti specifici come le crêperies o nei tantissimi chioschetti ambulanti presenti ad ogni angolo della città. Io vi consiglio quest’ultima opzione perchè nettamente più economica senza incidere sulla qualità!

  • Croque Monsieur o Madame

Eccoci a un’altra delizia francese: il Croque Monsieur o per i più golosi Madame. Si tratta di uno squisito sandwich grigliato e farcito con prosciutto e formaggio, ma nella versione più elaborata contiene anche la besciamella. E per restare sul leggero, provatelo anche nella versione Madame, con un uovo fritto sopra. Questo ve lo consiglio per pranzo: per colazione resta un po’ pesantino, noi garantiamo.

  • Quiche

La versione parigina della classica quiche lorraine prevede, oltre all'involucro in pasta brisée, un ripieno di besciamella, prosciutto cotto affumicato e gruyère. Come vedete, la cucina francese non è molto leggera, ma tranquilli: camminerete talmente tanto che smaltirete tutto, per cui concedetevi tutte queste prelibatezze.

  • Macarons

I Macarons biscotti famosissimi in tutto il mondo, anche grazie alla storica pasticceria Ladurée. Per chi non li conoscesse, sono formati da due dischetti di meringa alla mandorla e ripieni di squisita ganache ai gusti più svariati. Ne esistono di tantissimi colori, ognuno abbinati al gusto. Non sono dolci a buon mercato, ma qualcuno dovete assolutamente provarlo a Parigi.

  • Fondue

La fonduta è uno dei piatti più amati dai francesi e vi consiglio assolutamente di provarla: è stra buona, per quanto pesante, ma ne vale decisamente la pena. Viene preparata fondendo un formaggio fuso all’interno di una pentola apposita, detta caquelon, che verrà portata a tavola posizionata sopra un fornellino per tenere caldo il formaggio. Servita a tavola, si intingono pezzi di pane dentro il formaggio grazie a un’apposita forchettina allungata.


Per altre fantastiche foto di cibo francese smangiucchiato, continuate a seguire questo Blog! P.s.: scusate ma era sempre tutto troppo buono per riuscire ad aspettare di fare le foto!


Consigli utili per risparmiare mangiando a Parigi

  • Al ristorante chiedete sempre l’acqua in caraffa, è gratuita, potabile e buonissima e vi consentirà di risparmiare 4-5€ a bottiglia.

  • Per colazione scegliete sempre le boulangerie: qui troverete tantissimi prodotti da forno sempre appena sfornati, sia dolci che salati, a pochi euro.

  • Per pranzo approfittare dei chioschetti presenti nei vari Giardini o di quelli di Crepes sparsi per la città

  • Valutate l’alternativa di un bel pic-nic in uno dei Giardini o magari sulle scalinate del Sacré Coeur se beccate una bella giornata di sole. Noi siamo andati al supermercato e abbiamo acquistato una baguette, prosciutto, formaggio brie e insalata: spendendo 7€ totali abbiamo pranzato in due e mangiato benissimo!

  • Quando/Se andate a Disneyland, portatevi il pranzo al sacco: i ristoranti all’interno del parco sono piuttosto cari anche se pensate di limitarvi a un panino. Cliccate qui per scoprire altre informazioni utili su come sfruttare al meglio la vostra visita a Disneyland Paris.


Boulangerie di Parigi

Boulangerie Laurent B, Parigi, Francia

Boulangerie Laurent B

La Boulangerie Laurent B è una vera chicca nascosta nelle viuzze fra L’Esplanades des Invalides e Champs de Mars. Se seguirete il nostro itinerario (clicca qui per l’articolo), Laurent B è un’ottima idea per la vostra colazione prima di andare alla Torre Eiffel. Il locale è splendido, ricchissimo nell’arredamento e nell’offerta: io non sapevo davvero cosa scegliere, avrei preso tutto, per non parlarvi del profumo delizioso che c’era all’interno. E' molto frequentato dai parigini, e può capitare che ci sia la fila all'esterno, ma non desistete! Merita più di qualche minuto di attesa, fidatevi!

Alla fine ci siamo decisi e abbiamo preso un Pain au Chocolat (1,90€) e un Palmier gigante (2,30€) : totale colazione 4,20€ in due.


Du Pain et Des Idées

Du Pain et Des Idées è un’altra boulangerie deliziosa, situata vicino a Place de la République e all’omonima fermata della Metro (super comoda dal nostro appartamento), rendendola un’altra ottima possibilità per colazione. Fate attenzione perché sono chiusi nel week end, ma fate in modo di passarci perché qui potrete trovare il Pain au Chocolat alla banana più buono di Parigi per 3,90€. I prezzi qui sono un po’ più sopra la media, ma si tratta di una delle Boulangerie più famose e antiche di Parigi, e comunque i loro prodotti sono eccezionali per cui sono soldi ben spesi. Fuori dal locale ci sono alcuni tavolini in cui volendo potete sedervi per mangiare (no servizio al tavolo). Comunque il totale della colazione resta di 7,60€ in due, che è almeno la metà di quello che spendereste in un café.


Le Moulin de la Vierge

Le Moulin de la Vierge è una boulangerie situata in zona Louvre, vicinissima al Palais Royale. Noi ci siamo fermati per prendere qualcosa al volo per pranzo da mangiare ai Giardini di Tuileries prima di entrare al Museo del Louvre, ma a fianco c’è anche il cafè sempre loro. Anche questa Boulangerie è splendida, bellissima da vedere anche se piccolina, e ha tantissimi prodotti sia dolci che salati, quindi si presta bene anche per una colazione. Noi abbiamo preso una Croque Monsieur da dividere (intera è un po’ pesante) e una mini quiche a testa spendendo un totale di 14€. Ci siamo decisamente saziati ed era tutto squisito!


Cafè di Parigi

Ladurée

Ladurée, Champs Elysées, Parigi, Francia

Il Cafè di Ladurée si trova sulle Champs Elysée ma troverete anche altri punti vendita sparsi per la città, uno si trova a Marais di fronte al Marché des Enfants Rouges. Da Ladurée sulle Champs Elysées troverete sia il punto vendita al bancone, senza consumazione al tavolo, che il Cafè vero e proprio con servizio al tavolo. Sinceramente vi sconsiglio la seconda opzione perchè i prezzi lievitano tantissimo e non ne vale la pena (parliamo di 50€ in due per due thè caldi e due dolcetti). Noi abbiamo fatto la fila per il servizio al banco, non più di 15 minuti) e abbiamo preso 5 diversi Macarons a scelta nel sacchetto di carta e abbiamo speso 11€ in tutto. Vi sconsiglio le scatoline di carta che, per quanto bellissime, costano parecchio e sono inutili a meno che non abbiate intenzione di portarli in Italia come souvenir o per fare un regalo. Potete scegliere tra tantissimi dolci, fra cui piccole torte, pasticcini o prodotti da forno, ma Ladurée è famosissimo per i Macarons per cui vi consiglio di restare su questi anche perchè sono buonissimi, sicuramente fra i migliori in città. I gusti sono 18 ma io vi consiglio di provate assolutamente quelli ai frutti rossi, frutto della passione, caramello salato e cocco e caramello: sono i migliori.


Odette

Odette, Quartiere Latino, Parigi, Francia

Odette è una piccola pasticceria e cafè nel quartiere latino, famosissima per i suoi Choux alla crema (1,90€ l’uno): dei bignè piuttosto grandi e ripieni di creme di tutti i tipi. Come per i macarons, a ogni colore corrisponde un gusto e un ripieno. Dicono che qui si mangino i migliori Choux della città, e vi posso garantire che erano effettivamente buonissimi. Noi ci siamo passati per colazione e avendo un po’ di tempo a disposizione ci siamo proprio fermati al tavolo accompagnando 6 diversi Choux a un thè caldo e una cioccolata calda, spendendo 21€ in tutto. Anche qui vi consiglio quelli al cioccolato, al caramello salato, quelli classici alla crema, al frutto della passione e noi abbiamo anche provato l’edizione speciale per San Valentino alla crema e fragole: tutti eccezionali!


La Favorite Saint Paul

Sicuramente uno degli angoli di Parigi che più ho amato: dovete assolutamente passarci, anche se non avete intenzione di consumare. Si tratta di un locale ad angolo, decisamente Parigino, splendidamente decorato con fiori rosa, sia all’interno che all’esterno. Il locale è davvero splendido, e anche se non posso dirvi che è un posto conveniente, è sicuramente fra i miei Cafè preferiti di Parigi. Qui potete sia fare colazione, brunch oppure fermarvi per pranzo o cena: hanno vari antipasti, insalate, poke bowl, pizza e piatti salati della tradizione a prezzi medi per gli standard della città. Altrimenti ci si può fermare per l’happy hour che va dal Lunedi al Venerdì dalle 18:00 alle 20:00 per approfittare dell’offerta di una pinta di birra a 7€ o cocktail a 8€.


Le Consulat, Montmartre, Parigi, Francia

Le Consulat

Le Consulat è un famosissimo Cafè di Parigi situato nel quartiere di Montmartre, a pochi passi da Place du Tetre. Si tratta di un piccolo bistrot che si trova in una delle case più antiche di Montmartre, dove si incontravano pittori e artisti: da Picasso a Monet, da Toulouse-Lautrec a Van Gogh. Noi alla fine non ci siamo fermati, ma le recensioni sono ottime ed era nella lista dei posti che avremmo voluto provare. Se ci passate fatemi sapere come si mangia!


Café de Flore

Café de Flore, Parigi, Francia

Café de Flore è forse uno dei più famosi e antichi di Parigi, aprì nel 1887, impossibile non averne mai visto una foto in giro; situato a pochi passi dal Giardino Lussemburgo, è uno dei più frequentati, ormai soprattutto da turisti che fanno code lunghissime per sedersi. E’ conosciuto anche come il Café dei letterati: era frequentato da grandi personaggi della cultura tra cui Apollinaire, Rimbaud, Sartre, Simon de Beauvoir, Picasso, Camus e molti altri che hanno trasformato questo locale in una vera e propria istituzione culturale. Noi ci siamo passati davanti ma non ci siamo fermati: era affollatissimo, c’era molta fila e i prezzi sono parecchio alti: 20€ per un’insalata, 22€ per un club sandwich e 6,80€ per una bottiglia d’acqua: se volete andare piuttosto optate per la colazione, è il miglior modo per fare l’esperienza di mangiare in questo storico café senza spendere una follia!

Boot Café

Il Boot è un Café nel quartiere Marais, a pochi passi dal nostro appartamento, in cui volevo assolutamente andare, ma purtroppo è aperto solo Sabato e Domenica dalle 10:00 alle 17:00 quindi non siamo riusciti ad incastrarlo nel nostro itinerario. Il locale è piccolino ma molto carino, una volta era la bottega di un calzolaio.

Boot Café, Parigi, Francia

Ristoranti di Parigi

Le Marmiton de Lutèce

Le Marmiton de Lutèce è un ristorantino delizioso situato nel Quartiere Latino in cui siamo capitati per caso senza prenotare e ne siamo rimasti entusiasti, molto consigliato. Qui abbiamo assaggiato la famosa Fonduta ai 3 Formaggi, buonissima. Il piatto è per minimo 2 persone, ma la porzione è comunque molto abbondante e può venire servita accompagnata da un piatto di salumi, patate e insalata. Come da tradizione ci è stata servita nella classica caquelon sopra un fornellino acceso che permette di mantenere fuso e caldo il formaggio, e viene mangiata intingendo il pane che potrete chiedere a volontà. Il locale è particolare, un po’ antico ma comunque accogliente. Abbiamo speso 32€ a testa con un piatto di accompagnamento a testa e una coca ciascuno: ottimo rapporto qualità prezzo, comunque non eccessivamente alto per essere Parigi. Se avete intenzione di passare una serata al quartiere latino è un’ottima alternativa, frequentato da molti parigini e studenti, ideale per poi fermarsi a bere qualcosa nelle viette piene di locali.


The Frog & Underground - FrogPubs

Il Frog & Underground non è sicuramente un ristorante tipico parigino, ma più in stile americano: il locale è molto carino e stravagante, molto accogliente e giovanile, un vero e proprio pub. Ci siamo fermati per bere una birra prima di rientrare in hotel tornando da Montmartre, per riposarci un po’, ma poi siamo stati invogliati dai piatti che venivano serviti ai tavoli a fianco al nostro e abbiamo cenato lì anche noi. Il menu è abbastanza internazionale e offre prevalentemente hamburger e piatti americani, tutti abbondanti e buonissimi. Ci sono più sedi sparse per la città e se avete voglia di provare qualcosa che non sia tipicamente francese o avete semplicemente voglia di bere dell’ottima birra, questi Pub sono un’ottima alternativa. Per 2 litri di birra Frog, un bacon cheeseburger e una porzione di BBQ ribs, entrambi con patate dolci o classiche, abbiamo speso 31€ a testa.


Le Petit Marché

Le Petit Marché è forse il posto dove abbiamo mangiato meglio nel nostro viaggio a Parigi: è stato uno di quei posti in cui appena finito il piatto dici “cavolo che buono!”. Si tratta di un posticino a Marais, a circa 10 minuti a piedi dal nostro appartamento, in cui avevamo prenotato circa una settimana prima della partenza per la sera di San Valentino, affidandoci alle recensioni online. Si tratta di un ristorante prevalentemente frequentato da parigini e dove si mangia dell’ottima cucina francese. Il menu non è vastissimo ma ha piatti super interessanti. Noi abbiamo preso un filetto di black angus, un petto d’anatra caramellato con in tutto 4 contorni, una creme brulè e una charlotte, il tutto accompagnato da una bottiglia di vino per un totale di 45€ a testa. E’ il posto in cui abbiamo speso di più ma decisamente li valeva tutti: ottimo rapporto qualità prezzo, servizio eccellente e il posto era davvero carino. Super consigliato soprattutto se cercate qualcosa di poco turistico.


La Maison Rose

La Maison Rose, Montmartre, Parigi, France

Sovrastata da una villa Art déco ricoperta d’edera a Montmartre, la famosissima Maison Rose era una trattoria senza pretese frequentata dagli artisti squattrinati di Montmartre. Non si conosce l’anno esatto della sua costruzione, ma sembra che sia lì da prima del 1850, nel 1905, fu acquistata da Laure Germaine Gargallo, moglie del pittore Ramon Pichot e modella di Pablo Picasso, nonché sua ex amante. Maurice Utrillo, che abitava a poca distanza da lì, dedicò più di un quadro a La Maison Rose, contribuendo notevolmente alla sua fama. Frequentata da diverse generazioni di artisti, tra cui Picasso e Modigliani, e più tardi da Edith Piaf, Barbara, Aznavour, Camus, La Maison Rose rappresenta un tassello importante della storia di Montmartre. Se ci capitate nel weekend vi consiglio il brunch: per 29€ avrete una bevanda fredda, una calda, delle tartine, un piatto salato misto a scelta e un dessert. Per qualunque pasto decidiate di andare, vi consiglio di prenotare in anticipo sul sito ufficiale.

Au Vieux Paris d’Arcole

Questo ristorantino nascosto sull’île de la Cité, a pochi passi dalla cattedrale di Notre Dame, è particolarissimo ma anche molto caratteristico: era in testa sulla mia lista dei posti da provare ma purtroppo non abbiamo trovato posto. Il locale è splendido all’esterno: rivestito da una pianta di glicine (in primavera è pazzesco) mentre l’interno è molto retrò. Sicuramente un’esperienza diversa dal solito..ne parlano tutti molto bene. Se riuscite ad andare fatemi sapere se ne vale la pena, così la prossima volta non mancheremo.


Pink Mamma

Italiani perdonatemi, ma sì, vi sto parlando di una trattoria italiana a Parigi. Ne ho sentito parlare la prima volta in tv, a Little Big Italy, e prima di partire avevo fatto qualche ricerca, inoltre ne ho sentito parlare molto bene anche da italiani che vivono a Parigi. Il locale è splendido, e la pizza sembra ottima. Anche questo non siamo riusciti a provarlo, ma se foste in vena di italiano sicuramente questo è quello in cui andrei io.


Chioschi di cibo, Parigi, Francia

Chioschetti sparsi per la città

Un ottimo modo per guadagnare tempo e risparmiare mangiando nella capitale francese è quella di fermarsi nei vari chioschetti distribuiti per la città. Noi abbiamo pranzato con delle Crepes salate al volo a Montmartre, in fila per Le Murs de je t’aime, a 5€ l’una (quasi la metà del prezzo a cui le trovate nei cafè). Ce ne sono d’interessantissimi anche ai Jardin de Tuileries ma ne troverete in ogni Giardino, nelle principali piazze e nei pressi dei luoghi più turistici.


Le Marché des Enfants Rouges

Situato nel quartiere Marais a pochi passi dal nostro appartamento, abbiamo scovato le Marché des Enfants Rouges, così chiamato in ricordo di un orfanotrofio nei pressi dell’odierno mercato, per i bambini che vi abitavano, vestiti di rosso. Si tratta di un mercato molto caratteristico frequentato soprattutto da parigini, dove è possibile fare acquistare prodotti freschi ma anche bere e mangiare senza spendere un’esagerazione, acquistando il cibo in uno dei tanti banconi etnici per poi consumarlo nei tavoli pubblici situati alla fine del mercato.

Orari d'apertura:

Lunedì chiuso

Martedì - Giovedì 8:30 - 13:00, 16:00 -19:30

Venerdì e Sabato 8:30 - 13:00, 16:00 - 20:00

Domenica 8:30 - 14:00


Passage des Panoramas

Del Passage des Panoramas ve ne ho già accennato parlando del nostro itinerario a Parigi, ma un accenno lo merita anche qui, essendo in tema di consigli culinari. Qui infatti troverete tantissimi ristorantini e localini dove bere qualcosa per gli happy hour: poco turistico, sicuramente l’atmosfera è più intima e tranquilla che in tante altre zone di Parigi.


Altre zone di Parigi che vi consiglio per mangiare o bere qualcosa:

  • Marais

  • Quartiere Latino

  • Montmartre

Ora che sapete cosa e dove mangiare a Parigi, siete decisamente pronti per partire alla volta della Città dell’Amore.

  • Se state pianificando il vostro itinerario nella città, ecco qui qualche spunto e un itinerario di 2-3 giorni → Itinerario di Parigi

  • Se vi serve qualche informazione utile sulla logistica per il vostro viaggio invece, come ad esempio dove alloggiare o come muovervi in città, qui troverete le informazioni necessarie → Planning Paris

  • Se state organizzando una o più giornate a Disneyland Paris qui troverete tutte le informazioni utili Disneyland Paris

Bon Voyage!



595 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti