• Vanessa Valenti

72 ore a Copenaghen: i luoghi imperdibili di questa città fiabesca

Aggiornamento: 24 set

Un po’ all’ultimo ma io e Vale siamo riuscite finalmente a ottenere qualche giorno di ferie nello stesso momento e quale migliore meta se non Copenaghen per una mini vacanza last minute? Prima di partire per Copenaghen, durante le mie ricerche, ho letto che viene spesso nomitata “città fiabesca” e pensavo fosse dovuto al famoso scrittore Hans Christian Andersen che visse e morì nella capitale danese, ma una volta qui mi sono resa conto che la capitale danese ha davvero l’aspetto di una città delle fiabe, con le sue viuzze piene di casette colorate, i canali, che un po’ ricordano Amsterdam e la sua filosofia Hygge di spensieratezza che vi accoglierà una volta là.

Noi ci siamo innamorate di Copenaghen, e devo dire che in tre giorni pieni siamo riuscite a visitare praticamente tutta la parte centrale, per cui vediamo cosa non dovete assolutamente perdere nel vostro week end nella capitale danese.

Nyahvn, Copenaghen Danimarca

Se state cercando qualche consiglio utile e pratico per organizzare il vostro week end low-budget a Copenaghen, cliccate qui.


》Planning

Questo è un mini riassunto del nostro tour a Copenaghen:

Sabato 20 Novembre

Arrivo a Copenaghen nel tardo pomeriggio, check in in hotel e direzione Meatpacking District, vicino al nostro hotel, per una birretta prima di andare a letto.

Domenica 21 Novembre: Copenhagen Card

A piedi sulla riva del canale passando davanti alla Biblioteca reale passando poi per il Giardino della Biblioteca, il Frederiksholms Kanal e arrivando al Palazzo di Christiansborg.

Da qui siamo passate davanti al Borsen per raggiungere Nyhavn e proseguire verso il Morsmore per una colazione in tarda mattinata.

Poi la Marmorkirken e Amalienborg Slot fino al Amaliehaven con vista sull’Opera House. Da qui, ripassando dietro a Marmorkirken abbiamo raggiunto i Kogens Have, i giardini reali che abbiamo attraversato per arrivare a Rosenborg Slot.

Per pranzo ci siamo fermate a Torvehallerne per poi proseguire verso la Rundetaarn, poi i mercatini di natale HC Andersen Julemarked e le strade Stroget e Magstræde tornando verso l’hotel.

Abbiamo infine trascorso la serata ai Tivoli Gardens.

Lunedì 22 Novembre: Copenhagen Card

Abbiamo iniziato con una visita alla Biblioteca Reale e poi abbiamo attraversato il ponte Knippels per raggiungere la Vor Frelsers Kirke e Christiania.

Da qui siamo passati per la pista di pattinaggio Broens, davanti al Nordatlantens Brygge e attraversando il ponte Inderhavnsbroen siamo tornate a Nyhavn. Abbiamo proseguito verso il mercatino di Natale di Højbro Plads dove abbiamo pranzato prima del tour in battello partendo da Ved Stranden. A questo punto ci siamo incamminate verso il Churchill Park che ospita la Chiesa di St Alban per arrivare alla Sirenetta appena in tempo per il tramonto.

A questo punto siamo tornate a Nhyavn costeggiando il canale, e abbiamo visitato i mercatini di Natale del porto e quelli a Kongens Nytorv, terminando la giornata ai Magasin du Nord.

⧽Martedì 23 Novembre: in bici

Giornata in bicicletta, partendo dal Meatpacking District per vedere i Wehrmacht Graffiti prima di una bella colazione a Sankt Peders Bageri, seguita da una visita alla Ny Carlsberg Glyptotek.

Con una bella pedalata di circa 30 minuti siamo arrivate all’imponente Grundtvigs Kirke, abbastanza fuori dal centro, per poi passare al parco Superkilke attraversando il quartiere Nørrebro. Da qui siamo andate verso Olufsvej e Østerbro, dove abbiamo pranzato con qualche dolcetto acquistato in mattinata e poi al tramonto siamo tornate a Kastellet, che non eravamo riuscite a vedere il giorno prima, e per finire, prima di rientrare in albergo, il quartiere Vestebro e Carlsberg Byen, passando pr l’Elephant and Gate Tower.


Ho organizzato il planning del nostro week end a Copenaghen tenendo conto principalmente della validità di 48h della Copenaghen Card e del noleggio della bicicletta il terzo giorno. Abbiamo concentrato le attività incluse nella Copenaghen Card i primi due giorni, mentre i posti più lontani li abbiamo tenuti per l’ultimo giorno, sfruttando la bici.

Non abbiamo mai utilizzato la metro se non per gli andare e tornare dall’aeroporto, ci siamo sempre spostate a piedi i primi due giorni, con una media di 22km al giorno. Per saperne di più della Copenaghen Card e del noleggio delle bici vi rimando al post con la guida pratica della città.


Cosa vedere a Copenaghen


» Biblioteca Reale (Det Kongelige Bibliotek) e Giardino della Biblioteca (Det Kongelige Bibliotek Have)

Biblioteca Reale Il Diamante Nero Copenaghen Danimarca

La Biblioteca reale di Copenaghen è anche chiamata il diamante nero (Den sorte diamant), per le lastre di marmo nero e vetro che formano l'involucro esterno. E’ immensa ed è divisa in varie zone: c’è un’area consultazione e una studio nella parte più antica, mentre nella parte più moderna, quella affacciata sul canale, si trovano diverse sale panoramiche. L’entrata è gratuita, per cui vi consiglio di salire fino all’ultimo piano e di affacciarvi dalla balconata: la vista è splendida. Durante la visita potete lasciare borse e cappotti negli armadietti gratuiti con combinazione automatica ma per esperienza ve lo sconsiglio: Valentina ci ha provato e non è più riuscita ad aprire il suo, per cui abbiamo dovuto cercare la guardia, che gentilmente ha scassinato l’armadietto per noi fra grandi risate.

Il giardino della biblioteca è nascosto dietro la parte vecchia, non è facile trovarlo, dovete costeggiare l’edificio, ma ne vale decisamente la pena. Oltre ai fiori colorati e agli imponenti alberi, c'è anche una piscina poco profonda al centro, accanto ad una colonna in rame che funge da fontana


» Frederiksholms Kanal, situato a pochi metri dalla Biblioteca, è uno scorcio da non perdere di Copenaghen, un luogo romantico, con piccole barchette ormeggiate e ben 3 ponticelli caratteristici: il Ponte del Principe, il Ponte di Marmo e il Ponte della Tempesta.

» Palazzo di Christiansborg * e Borsen

Abbiamo raggiunto Christiansborg Slot attraversando il Giardino della Biblioteca Reale ed è situato su una piccola isola di nome Slotsholmen (isola del Castello). E’ la sede del Parlamento Danese, della Corte di Giustizia e degli Uffici del Ministro di Stato e l’ingresso è incluso nella Copenaghen Card tranne per il Parlamento, per cui dovrete prenotare una visita in anticipo. Il Palazzo della Borsa è anch’esso situato sulla piccola isola di Slotsholmen, di fronte aChristiansborg Slot, ed è caratterizzato dalla Guglia del Drago, la cui forma ricorda quattro code di drago unite tra loro, che raggiunge i 56 metri di altezza. Per noi era il corno dell’unicorno, ma a ognuno la propria interpretazione (:


Nyhavn

Il luogo più famoso di Copenaghen, la prima immagine che viene in mente pensando a questa città, con i suoi edifici colorati sul canale. E’ situato nell’area del porto vecchio di Copenaghen, anche se il nome viene tradotto letteralmente come “Porto Nuovo”. Qui visse Hans Christian Andersen per molti anni, al numero 20 di Nyhavn, dove scrisse anche La Principessa sul pisello, e per qualche anno anche ai civici 67 e 18. Il canale è un vero e proprio museo a cielo aperto, fiancheggiato da navi storiche di proprietà del Museo Nazionale Danese.

Nyhavn è uno di quei posti in cui è piacevole anche solo camminare ed ammirare la diversità di colori e architetture intatte dal diciassettesimo secolo. Durante il periodo di Natale, lungo il canale, troverete anche un mercatino con tante bancarelle di cibo e artigianato, mentre se avete fame, la via che costeggia il canale è piena di bar e ristoranti. Per scoprire di più riguardo ai Mercatini di Natale ecco il post dedicato a Copenaghen durante il periodo natalizio.


» Kogens Nytrov Kogens Nytrov è la più grande piazza di Copenaghen, ai cui lati si trovano alcuni dei palazzi più importanti della città: il Teatro Reale, il meraviglioso Hotel d’Angleterre e il Charlottenborg Palace. Questa piazza è un perfetto punto di partenza per visitare Copenaghen: qui confluiscono tutte le linee della metropolitana e si trova esattamente in mezzo al centro della città. Nel periodo natalizio è la sede di un bel mercatino di natale, prolungamento di quello di Nyhavn, per saperne di più cliccate qui.


» Magasin du Nord

Magasin Du Nord Copenaghen Danimarca

Situati su Kogens Nytrov, si tratta del più grande e famoso centro commerciale di Copenaghen, molto simile ad Harrods. Locato su più piani, è meraviglioso, e qui potrete trovare di tutto: oggettistica per la casa, abbigliamento, accessori e cibo, oltre che bar e ristoranti dove riposarvi e ripararvi un po’ dal freddo come abbiamo fatto noi. I prezzi non sono molto a buon mercato, se cercate qualche souvenir sicuramente non è il posto giusto, ma vale comunque la pena fare un giro e dare un'occhiata ai vari negozi.

Marmorkirken, la Chiesa di Marmo, Copenaghen Danimarca

Marmorkirken

Letteralmente la “chiesa di marmo”, fu costruita negli anni di reggenza di Federico V, che ne appose la prima pietra. Si può visitare gratuitamente, mentre l’accesso alla cupola è a pagamento e non è compreso nella Copenhagen Card, al costo di 5 euro. La visita guidata dura circa 45 minuti ma fate attenzione perché nel periodo invernale gli accessi sono limitati il sabato e la domenica. Noi non siamo entrate, ma io l’ho adorata anche solo dall’esterno, soprattutto ammirandola dalla piazza di Amalienborg. E’ imponente e delicata allo stesso tempo, una vera meraviglia di marmo bianco, tutta da ammirare e fotografare.

Amalienborg Slot* e Amaliehaven

Statua di Federico V, Amalienborg Slot, Copenaghen Danimarca

Di fronte a Marmorkirken troverete il palazzo reale di Copenaghen, Amalienborg: da oltre 200 anni residenza dei sovrani della Danimarca. Solo una parte del castello è visitabile e l’accesso è incluso nella Copenhagen Card. Nel nostro programma iniziale avevamo previsto una visita all’interno, ma il palazzo era chiuso momentaneamente per cui non siamo riuscite. Nella grande piazza del palazzo, dove al centro svetta la statua equestre in onore di Federico V, re di Danimarca e Norvegia, ogni giorno a mezzogiorno si tiene il cambio della guardia, molto simile a quello di Buckingham Palace, a Londra. Amaliehaven è un bellissimo giardino, famoso per le sue fontane e la suggestiva vista sul mare di Copenaghen, l’Opera House e l’area portuale, e si trova proprio in fondo alla piazza di Amalienborg Slot, per cui fateci una capatina.


Rosenborg Slot, Copenaghen Danimarca

✿ Tornando verso Marmorkirken e costeggiandola, abbiamo attraversato Nyboder, caratterizzata da magnifiche casette arancioni fino a Kogens Have, il giardino reale per arrivare al Palazzo di Rosenborg.

Rosenborg Slot *

Il Rosenborg Slot è situato nei giardini reali, e un tempo questa fortezza era la residenza dei sovrani danesi, mentre oggi ospita un museo dove è possibile ammirare, tra l’altro, i gioielli della Corona. L’ingresso è compreso nella Copenhagen Card e vi garantirà l’accesso anche al tesoro della Corona. Il palazzo è splendido, ricchissimo e splendidamente decorato, vale sicuramente una visita, così come i meravigliosi gioielli della Corona, che vi lasceranno a bocca aperta. La visita ci ha occupate per circa un’oretta e mezza.

» Rundetaarn *

Rundetaarn, La Torre Rotonda, Copenaghen Danimarca

La torre rotonda è stata costruita a metà del 1600 nel cuore del centro storico e in origine era un osservatorio astronomico. La struttura è famosa anche per la particolarissima scala elicoidale che sale fino in cima alla torre. La salita è molto particolare, ci ha ricordato un po’ un palazzo di Mantova in cui eravamo state io e Vale qualche anno fa, e ci siamo divertite tantissimo nelle rientranze della scala, in un punto potrete anche vedere la parte cava della struttura interna. Una volta in cima, accederete all’esterno della torre, per una vista mozzafiato sulla città. L’ingresso è compreso nella Copenhagen Card e gli orari di visita vanno dalle 10 alle 18, con due aperture serali fino alle 21 il martedì e il mercoledì.


» Stroget e Magstræde

Stroget è la via dello shopping e la strada pedonale più lunga d’Europa: un chilometro e mezzo di negozi, molti dei quali specializzati in oggetti d’arredo, in cui potete trovare di tutto, ma proprio di tutto!

Vi segnalo i 5 negozi di Faraos Cigarer, dove troverete tantissima oggettistica da collezione e gadget di film famosissimi, fumetti, serie tv, ma anche carte collezionabili e giochi da tavolo o di ruolo. A poca distanza la bellissima e coloratissima Magstræde, caratterizzata da edifici coloratissimi.


» Giardini di Tivoli *

Giardini di Tivoli, Copenaghen, Danimarca

I Giardini di Tivoli, o semplicemente Tivoli, sono un famoso parco divertimenti di Copenaghen, inaugurato nel 1843: è il secondo più antico parco di divertimenti sopravvissuto intatto fino a oggi. Si trova in pieno centro, di fronte alla Stazione Centrale di Copenaghen ed è davvero un tesoro storico e un paese delle meraviglie nel cuore della città, sia per i grandi che per i più piccoli. Ad ogni stagione viene addobbato a tema, noi abbiamo respirato finalmente una meravigliosa aria natalizia che ci ha riportate indietro nel tempo a quando eravamo piccoline! Sicuramente una tappa imperdibile in quel di Copenaghen!

Il parco è aperto dalle 11 alle 22/23 (gli orari variano di stagione in stagione, per cui vi consiglio di verificare sempre, anche considerando alcune chiusure stagionali) e l’ingresso è incluso nella Copenaghen Card, ma se volete salire a bordo delle montagne russe o di una delle spettacolari giostre del parco dovrete pagare un supplemento.


Chiesa del nostro redentore - Vor Frelsers Kirke *

Vor Frelsers Kirke è una grande chiesa barocca situata nella zona di Christianshavn, ma visibile da molti punti di Copenaghen grazie alla sua splendida guglia dorata.

La chiesa è infatti particolarmente famosa per la guglia, caratterizzata al suo esterno da una scala a spirale che porta in cima al campanile, dal quale si gode di una vista mozzafiato sul centro di Copenaghen da un lato, ma anche su Christiania e sulla periferia della città. L’entrata è inclusa nella Copenaghen Card e vi raccomando assolutamente di fermarvi per una visita: la salita è lunghina ma non troppo impegnativa, a parte gli ultimi scalini, particolarmente stretti e ripidi, ma la fatica vale davvero la pena.


Christiania

Christiania Free Town, Copenaghen, Danimarca

Christiania, nota anche come la Città Libera, è la famosa comunità indipendente nata agli inizi degli Anni 70 a Copenaghen, nel distretto di Christnshavn. Christiania è un esperimento sociale unico al mondo, un’utopia vivente basata sui principi del rispetto e del libero arbitrio. La città libera ha anche la sua bandiera: tre cerchi gialli in campo rosso, posti uno accanto all’altro su un piano orizzontale. I dischi gialli della bandiera farebbero riferimento ai puntini sulle tre “i” della parola Christiania.

In Pusher Street, in piccoli chioschi vengono vendute liberamente droghe leggere ma ci sono regole che vietano quelle pesanti; qui non si possono fare foto, ma le zone dove è proibito sono ben segnalate, per il resto potrete sbrizzarrirvi. In questo quartiere dove (quasi) tutto è permesso è meglio andare quando c’è ancora luce: per vedere cosa succede e cercare di capire come funzionano le cose a Christiania, gli splendidi murales e parlare con qualche abitante della comunità, tutti molto gentili e disponibili. La zona è davvero tranquilla, a dispetto di quello che ci si possa aspettare! All’interno troverete varie banchette e qualche localino dove bere e mangiare, io ho comprato una maglietta splendida nell’unico negozietto: The Essence, non proprio a buon mercato, ma hanno dei pezzi splendidi e unici, fateci un salto. Per il resto, che dire? Immergetevi nei colori e nella particolarità di Christiania, un’esperienza unica e imperdibile.


» Broens Skojtebane (Pista di Pattinaggio) - Nordatlantens Brygge - Inderhavnsbroen

Indervhavnbroen, Copenaghen Danimarca
Inderhavnbroen

Nordatlantes è un centro culturale situato sul fronte del porto di Copenaghen, dedicato a preservare, promuovere e comunicare la cultura e l'arte dell'area del Nord Atlantico. Il centro si trova in un vecchio magazzino marittimo del 1767 vicino al porto nel quartiere Christianshavn del centro di Copenaghen ed è situato vicino alla Greenlandic Trading Square (in danese: Grønlandske Handelsplads), che per 200 anni è stata un centro per il commercio da e per le Isole Faroe, il Finnmark, l'Islanda e in particolare la Groenlandia. Qui davanti troverete la pista di pattinaggio su ghiaccio di Broens, e attraversando l’Inderhavnbroen vi ritroverete su Nyahvn.



» Tour in Battello lungo i Canali *

Esperienza già provata insieme ad Amsterdam, io e Valentina dovevamo assolutamente replicare anche a Copenaghen. Si tratta di un giro lungo i canali passando davanti a tutti i luoghi più famosi della città in poco tempo, un’ottimo modo per riposarsi un’oretta e riscaldarsi un pochino. Siamo sinceri: è un’attività molto turistica e un po’ banale, ma essendo inclusa nella Copenaghen card, se avete un’oretta da dedicarle, perchè no? Le partenze sono dal porto di Nyhavn e da Ved Stranden, da dove siamo salite noi, e non serve prenotare. Il tour è comunque interessante e la guida vi racconterà alcune storie particolari sui vari edifici di Copenaghen, dura circa 1 ora e vi permette di ammirare da una prospettiva unica diverse location di Copenaghen, costeggiando per esempio la moderna Opera House.


St Alban Church, Churchill Park, Copenaghen Danimarca
Chiesa di St Alban, Churchill Park

Churchill Park, St Alban Church, e Kastellet Churchill Park si trova al di fuori della fortezza Kastellet, e ospita l’incantevole chiesa anglicana di St Alban e la fontana di Gefion, che simboleggia la leggenda dell’isola sulla quale è sorta la capitale della Danimarca. Kastellet è la cittadella fortificata all’interno di Churchill Park: si tratta di un’antica area militare a forma di stella, vicinissima alla statua della Sirenetta.

Al mattino presto, ma non solo, le verdi colline del Kastellet sono molto amate dai podisti, che approfittano di questo bellissimo angolo verde per fare un po’ di movimento.

L’ingresso è gratuito, si passeggia tra casette dai tetti rossi e dai bastioni si ha una bella vista sulla città. Nel parco c’è anche un meraviglioso mulino a vento, uno dei pochi ancora esistenti a Copenaghen.


La Sirenetta, Copenaghen, Danimarca

» La Sirenetta La famosa statua in bronzo della Sirenetta, alta più di un metro, è situata all’imbocco del porto della città. E’ il simbolo assoluto di Copenhagen e fu costruita all’inizio del 1900 e realizzata dallo scultore Edvard Eriksen ispirandosi alla famosa fiaba dello scrittore locale Hans Christian Andersen, utilizzando sua moglie come modella.

Sinceramente ha deluso un po’ le nostre aspettative, è davvero piccolina e da sulla zona industriale: in un sacco di foto che abbiamo foto sembrava le uscisse il fumo dalle orecchie, in realtà era il fumo dell’inceneritore Copenhill che sta sull’altro lato del porto. Fortunatamente noi ci siamo andate al tramonto, che ha reso tutto più suggestivo e magico grazie al cielo rosa che si stagliava sullo sfondo, recuperando così molti punti!

» Meatpacking District - Wehrmacht Graffiti

Meatpacking District - Wehrmacht Graffiti, Copenaghen, Danimarca

Il Meatpacking District è l'ex mattatoio della capitale danese, ed ormai è considerato uno dei luoghi più cool della città, tra ristoranti, bar, club e gallerie d'arte. Il posto ideale per un drink dopo cena e godersi un pò di vita notturna.

Di giorno meritano una breve visita per i particolari Wehrmacht Graffiti, scritte sul muro di un ex deposito di patate nazista su cui i militari dell’esercito, annoiati dal dover fare la guardia 24h su 24 alle scorte di patate durante l’occupazione nazista, trascorrevano il tempo incidendo scritte sulle mura degli edifici. Osservare quelle scritte è stato davvero particolare, una sensazione stranissima, quasi surreale, pensare a soldati tedeschi che scrivevano frasi su casa, come trascorrevano il tempo o sulle loro amate in Germania.


» Sankt Peders Stræde + Bageri

Sankt Peders Straede e Sankt Peders Bageri, Copenaghen Danimarca

Si tratta di una vietta appena fuori dal pieno centro di Copenaghen, che noi abbiamo raggiunto per fare colazione al Sankt Peders Bageri (una panetteria molto conosciuta, a conduzione familiare), altrimenti non ci saremmo mai passate, perdendoci così una meravigliosa esplosione di colori durante il nostro tour in bici. Questa strada è infatti caratterizzata da una lunga fila di edifici coloratissimi che creano un’atmosfera gioiosa e spensierata, merita davvero una passeggiata, unendo l’utile al dilettevole con una fermata alla famosa Bageri. L'ho inserita nella mia lista delle strade più colorate di Copenaghen, che troverete più avanti nel post.


Ny Carlsberg Glyptotek *

Ny Carlsber Glyptotek, Copenaghen Danimarca

Il Ny Carlsberg Glypotek è un museo situato vicino ai Giardini di Tivoli, e contiene bellissime esposizioni ma sinceramente merita una visita già solo l’architettura della galleria, davvero splendida e caratteristica, da zone modernissime e minimali, allo splendido Giardino d’Inverno che vi accoglierà appena entrati. Potrete anche accedere alla terrazza sul tetto, godendo di una splendida vista sulla città.

Il nome della galleria forse vi suona familiare perché ricorda quello di un noto marchio di birra. Non è casuale: la galleria fu voluta da Carl Jacobsen, il mastro birraio a cui si deve l’impero Carlsberg.

Statue in marmo mirabilmente scolpite che testimoniano la grandezza delle civiltà antiche, capolavori dell’arte danese, mummie egiziane e collezioni di dipinti di Gauguin e sculture di Degas da far invidia ai più prestigiosi musei francesi. È un luogo dove ammirare l’arte ai suoi massimi splendori, ma anche un angolo di pace dal chiasso cittadino. L’entrata è inclusa nella Copenaghen Card, che vi garantirà l’accesso anche alle mostre speciali, senza la Card il Martedì l’entrata è comunque gratuita, ma senza accesso ad alcune sale.


Grundtvigs Kirke

Grundtvigs Kirke, Copenaghen, Danimarca

La Grundtvigs Kirke, o come la chiamavamo noi: la Chiesa di Star Wars, è situata nel quartiere di Bispebjerg, abbastanza fuori dal centro di Copenaghen, ed è valsa da sola il noleggio della bici per la giornata. Dalla Glyptotek abbiamo impiegato circa 30 minuti in bici per raggiungerla, la strada è un po’ in salita ma nulla di troppo impegnativo, e comunque merita davvero. Grazie al suo aspetto insolito è uno degli edifici religiosi più noti della città e uno dei pochi esempi di chiesa nel caratteristico stile nordico dell'Espressionismo del mattone. L’edificio è enorme, imponente, e si staglia sul cielo come un fulmine, incutendo quasi un po’ di soggezione già dall’esterno, ed entrando la sensazione non fa che amplificarsi. La navata è lunghissima e altissima, tutta in mattoni, davvero meravigliosa. L’entrata è gratuita.

Non so perchè ma secondo noi aveva qualcosa che rimandava a Star Wars, fateci sapere se anche voi avete questa impressione!


Nørrebro e il parco Superkilen

Nørrebro è il quartiere hipster di Copenaghen dove una trasandata e multietnica area residenziale è stata convertita in uno spazio multifunzionale oggi amatissimo e molto frequentato, assolutamente da inserire tra le cose da vedere a Copenaghen. Superkilen è il nome che ha preso il bellissimo ed eccentrico parco urbano di circa 30.000 metri quadri che, per volere del Comune della città, è stato realizzato come esempio di integrazione e convivenza pacifica fra nazionalità diverse. Il particolarissimo e divertente parco, che si presta molto a foto fantasiose, termina nella bellissima piazza rossa (Red Square).


» Olufsvej - Østerbro

Se chiedi a un locale qual è la strada più colorata di Østerbrogade, ti risponderà di sicuro Olufsvej. Questa deliziosa stradina si trova tra il più grande parco della città, Fælledparken, e la principale via dello shopping del quartiere, Østerbro.

Olufsvej la strada più colorata di Copenaghen, Ostebro, Danimarca

𓃰 Carlsberg Byen - Elephant and Gate Tower

Eòephant and Gate Tower, Carlberg Byen Copenaghen, Danimarca

Nella zona di Carlberg Byen, si stagliano imponenti gli elefanti della Carlberg Tower: queste statue di elefanti sono particolarissime, in quanto sui fianchi sono caratterizzate da delle svastiche pre-naziste. Quando il portone fu costruito infatti, la svastica aveva un significato molto differente da quello per cui sono ora tristemente note. Terminato nel 1901, l’Elephant Gate era parte di un edificio costruito per la Ny (New) Carlsberg Brewhouse, iniziato da Carl Jacobson per competere con suo padre, il fondatore della Carlsberg Brewery. Quando iniziò il progetto nel 1882 Carl volle adottare un simbolo che portasse fortuna e prosperità e scelse la svastica, che in antichità era associato alla fortuna. La parola svastica infatti deriva dal sanscrito e significa fortuna o di buon auspicio. Venne quindi usato come marchio per Ny Carlsberg, fino al 1940, quando a causa della sua associazione al nazismo venne abbandonato dalla società.



Altri due luoghi che avevamo inserito nel planning originale del viaggio, ma che erano chiusi nel periodo in cui siamo state noi sono il Designmuseumn Danmark e il Copenaghen Contemporary, entrambi inclusi nella Copenaghen Card. Ve li segnalo nel caso quando andaste voi fossero accessibili perchè mi ero informata prima di partire, e avremmo tanto voluto poterli visitare!

  • Designmuseumn Danrmark* : si tratta di un museo di design ospitato all’interno di un palazzo del 1700 ristrutturato, con tre sezioni espositive dedicate al Design ed Artigianato, fra cui una galleria dedicata alle sedie e lampade. E’ aperto tutti i giorni tranne il lunedì, dalle 10 alle 18, il mercoledì fino alle 21.

  • Copenaghen Contemporary* : non è in centro storico, si trova a nord di Christiania, vicino al Reffen. Ospitato all’interno di un’ex fonderia, il Copenhagen Contemporary si estende su ben 7.000 metri quadri con esposizioni temporanee sono curate da artisti di fama mondiale e da giovani performer emergenti.

☞ Tutte le attività contrassegnate dal un asterisco * sono incluse nella Copenaghen Card. Per saperne di più riguardo la Copenaghen Card, come utilizzarla e cosa comprende, clicca qui.


Le Strade più colorate di Copenaghen

  • Magstræde

  • Nyhavn

  • Sankt Peders Stræde

  • Olufsvej

  • Nyboder


Cosa e dove mangiare a Copenaghen

  • Morsmore

Un delizioso cafè situato sulla strada fra Nyhavn e Amalienborg, poco appariscente dall’esterno, ma che ci garantisco merita decisamente una fermata. Localino storico, è caratterizzato da un ambiente è delizioso, curatissimo e ricchissimo, con tantissimi richiami alla cultura e storia della città. Ciliegina sulla torta: i prodotti da forno sono deliziosi e fatti in casa, dai cinnamon rolls ad altri buonissimi dolci tutti giganteschi e che vi serviranno a dovere per un’ottima colazione o un semplice spuntino.

  • Torvehallerne

Hallernes Smørrebrød, Torvehallerne, Copenaghen, Danimarca

Si tratta di un food market molto curato e moderno, in pieno centro, il posto ideale per fermarvi se avete fame, dalle 10 alle 19 (nel week end chiude alle 20). Qui troverete di tutto, dal dolce al salato: il mercato coperto di Copenaghen è davvero immenso, ma vi consiglio di andare all’Hallernes Smørrebrød, famosissimo per gli smørrebrød, le tipiche tartine danesi. Sono composte da una fetta di pane di segale imburrato con un condimento costituito da fette di carne, pesce, salumi o formaggio. Questa è la base che viene sempre decorata con verdure affettate, uova sode, maionese o altre salse, costituisce un sandwich aperto visivamente accattivante e costituisce il pranzo danese della tradizione.Qui le troverete per tutti i gusti, davvero eccezionali, anche se non molto economiche. Valgono comunque il prezzo (due pezzi, una birra e un’acqua ci sono costate 40€).

  • Sankt Peders Bageri

Si tratta di un piccolo forno su Sankt Peders Stræde ed è una tappa obbligatoria nella vostra vacanza a Copenaghen. Il posto è piccolino ma davvero carino, e il cibo eccezionale. Dal dolce al salato, tutto appena sfornato, ancora caldo, e vi permetterà di rimpinzarvi spendendo poco rispetto ai prezzi della città. I cinnamon rolls erano deliziosi, noi li abbiamo presi da asporto e ce li siamo gustati in giro per la città nel pomeriggio, ma anche il salato è eccezionale e lo staff è gentilissimo e davvero carino!

  • Fermentoren Beer Bar: locale molto easy nel cuore del Meatpacking District, consigliato per un drink dopo cena, con possibilità di sedersi sia all’interno che all’esterno, molto frequentato dai giovani. I prezzi sono alti, nel pieno stile della città: 20€ due birre e patatine.

  • Mercatini di Natale: noi abbiamo spesso sfruttato i vari mercatini di natale distribuiti nella città per pranzare o cenare risparmiando qualche cosa e assaggiando vari piatti tipici danesi, come gli Aebleskiver, delle frittelle sferiche tradizionali deliziose, servite con zucchero a velo e marmellata di mirtillo. Per saperne di più dei mercatini di Natale di Copenaghen clicca qui.

  • Reffen: il Copenaghen Street Food - Reffen è situato nella zona industriale di Copenaghen, Refshaleøen, ma sfortunatamente è aperto solo d’estate. E’ il nuovo mercato di cibo da strada nonché area urbana dedicata alle start-up, all’innovazione e alla creatività in pieno stile nordico, a Refshaleøen, Copenaghen. Se stai organizzando il tuo viaggio a Copenaghen d’estate inserisci questa tappa nel tuo programma, e fammi sapere com’è, noi volevamo tanto andarci!


Che dire, penso di avervi raccontato tutto dei nostri tre giorni a Copenaghen. Fatemi sapere cosa ne pensate, e se doveste aver bisogno di qualche informazione in più, sono a vostra disposizione!


Se stai organizzando il tuo viaggio a Copenaghen e ti servono informazioni più pratiche sulla città, sui trasporti e su come spendere poco, clicca qui. Se stai organizzando il tuo viaggio nel periodo natalizio, clicca qui per scoprire una guida ai mercatini di Natale di Copenaghen e ai Tivoli Gardens.

Buon viaggio!



777 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti