top of page
  • Immagine del redattoreVanessa Valenti

Tresigallo, Città Metafisica: la capitale dell'architettura razionalista italiana

Tresigallo è un piccolo paesino nella provincia di Ferrara, in Emilia Romagna, poco distante dalle Valli di Comacchio e viene considerata la capitale del razionalismo italiano.

Tresigallo infatti viene anche chiamata Città Metafisica: i palazzi di marmo colorati seguono un’architettura rigida, pulita e autoritaria in pieno stile razionalista che richiama con forza lo stile fascista. Questo luogo sembra letteralmente sospeso nel tempo: per le strade regnano il silenzio e l’ordine quasi essere in un’altra dimensione ricca di geometria e linee rette.

La Città Metafisica è piccolina e i punti di interesse sono tutti concentrati a poca distanza da loro, rendendola un vero gioiellino da visitare in mezza giornata passeggiando fra i grandi spazi e gli edifici enormi e sovradimensionati rispetto agli abitanti che la popolano.

Viale Roma e la Casa del Fascio, Tresigallo
Viale Roma e la Casa del Fascio, Tresigallo

Ma scopriamo qualcosa in più sulla sua storia: Tresigallo così come la vediamo ora nasce attorno ai primi anni ’30 quando l’allora Ministro dell’agricoltura del regime fascista Edmondo Rossoni, nativo di Tresigallo, finanzia e progetta il nuovo volto del paese seguendo una logica urbanistica e simbolico-formale: lo stile infatti punta ad esaltare la Funzione eliminando gli elementi ritenuti superflui e decorativi. E’ uno dei pochi esempi di città di rifondazione progettata a tavolino per contrastare la forte emigrazione dal paese causata da un’estrema miseria e un alto tasso di disoccupazione nei primi anni del ‘900.


Tresigallo: itinerario a piedi

Una volta giunti a Tresigallo, si parcheggia l’auto nella via dello Sport dietro la Scuola Elementare, proprio all’inizio del paese (sul confine sud-est), dove troverai dei posteggi gratuiti. Da qui inizia la visita a Tresigallo dove, sulla rotonda ingresso al paese e che congiunge Via del Mare, Via dello Sport con Viale Giuseppe Verdi troverai subito tre edifici esemplari dellarchitettura razionalista.

- Il Campo Sportivo

Il monumentale ingresso del Campo Sportivo di Tresigallo è enorme e rivestito in marmo e si ispira all’arco di trionfo, richiamando la classicità a cui il regime fascista si ispirava.

- La Scuola Elementare

Proprio di fronte all'ingresso del Campo Sportivo si staglia l'imponente edificio verdognolo, austero e autoritario della scuola elementare, che lo è tutt'oggi.

- La Domus Tua

La Domus Tua, da non confondere con l'albergo Domus Tua, è un edificio molto scenografico con la sua torretta centrale che oggi ospita appartamenti privati, ma in origine era una sala da ballo.

Prosegui poi passeggiando su Viale Giuseppe Verdi dove ti imbatterai in altri tre edifici degni di nota che però saltano meno all'occhio, per cui fai attenzione!

- La Casa del Ricamo

La Casa del Ricamo negli anni Trenta ospitava la sede della scuola di cucito e ricamo per le ragazze madri, ovvero un centro didattico-formativo che facilitava l’integrazione delle giovani nel mondo del lavoro e nella società. Non a caso costituiva l'edificio gemello dell'Ex O.N.M.I.: ad oggi è privato ed abbandonato.

- l’Ex O.N.M.I. (Opera Nazionale Maternità e Infanzia)

L’Ex O.N.M.I. era un edificio adibito alla protezione e al sostegno delle madri e dei bambini in difficoltà e all'interno si trovavano infermieri e medici a disposizione; ad oggi ospita l’asilo nido comunale.

- l’Albergo Domus Tua

Situato di fianco all’Ex O.N.M.I., è oggigiorno una casa di riposo, ma nacque come albergo di lusso per ospitare imprenditori e personaggi importanti del regime fascista.

Al termine di Viale Giuseppe Verdi sbucherai in Piazza Italia dove non potrai non notare alcuni edifici particolarmente significativi.

- La Chiesa di Sant’Appollinare e lo splendido porticato

Sulla tua destra passeggiando su Piazza Italia incontrerai questa chiesa che risale all’epoca romana ma che è stata ristrutturata cambiandone totalmente l’aspetto con bassorilievi in marmo. Il porticato è super classico, con colonne di cemento armato che dà alla piazza un aspetto autoritario e scenografico. La parte superiore del portico è impreziosita da una lunga sequenza di formelle che raffigurano i simboli della cultura agricola del territorio.

Di fronte alla chiesa puoi ammirare l'attuale caserma dei Carabinieri, anch'essa in chiaro stile razionalista, con elementi cubici e geometrici.

- L'Asilo Parrocchiale

A destra del porticato si trova l'asilo parrocchiale, di cui sicuramente spicca il portone d'ingresso con uno dei motti del regime fascista: "Il Sacrificio degli Eroi arde perenne".

Da qui prosegui sulla sinistra in quello che è sicuramente il viale principale di Tresigallo: Viale Roma, che di per sè è un esempio di architettura razionalista, ma alcuni dei suoi edifici contribuiscono allo stile.

- La Casa del Fascio

La Casa del Fascio è forse l’edificio più rappresentativo dell’architettura razionalista, con la sua eleganza e le sue geometrie domina Viale Roma: non a caso ospitava la sede del Partito Fascista.

- Il Bar Roma

Il Bar Roma è ad oggi un edificio abbandonato e decadente il che ha permesso la conservazione di tutti gli elementi originali grazie a cui possiamo immaginarlo nel suo periodo di splendore.

- Il Teatro ‘900

Il Teatro '900, che ad oggi ospita un’associazione culturale, venne inaugurato nel 1935 con la proiezione del film Passaporto Rosso. In seguito, il ministro Edmondo Rossoni, vi portò la grande opera lirica Italiana. L’edifico è attualmente la sede dell’Associazione Musicale Arianna Alberighi – Scuola di Musica Banda Filarmonica.

A metà di Viale Roma, imboccate Via Antonio Gramsci sulla sinistra e ti troverai sull’enorme Piazza della Repubblica.

- Piazza della Repubblica

Piazza della Repubblica è anche nota come l’ex Piazza della Rivoluzione e consiste in un enorme semicerchio con al centro una fontana con 4 gazzelle intente ad abbeverarsi. La particolarità di questa piazza, che la contraddistingue dalle classiche piazze, è che non concentra in sè funzioni civili, politiche o di regime, ma solo simboliche e formali.

Piazza della Repubblica, Tresigallo

Da Piazza della Repubblica prosegui per Viale Ferrara e arriverai su Via del Lavoro che si immette in via 1°Maggio. Qui troverai gli edifici più iconici e famosi di Tresigallo.

- I Bagni - Urban Center SOGNI

L'edificio dei Bagni è senza ombra di dubbio l’edificio simbolo di Tresigallo e quello più fotografato. La grande scritta SOGNI, nell’iconico font che contraddistingue tutta la città e lo stile razionalista, si staglia nel cielo sopra l’edificio azzurro. L’edificio nasce come spogliatoio e bagni per i giovani inquadrati nella propaganda del regime fascista mentre ora viene utilizzato come spazio per mostre e rassegne.

- Ex G.I.L. - La Casa della Cultura

L'attuale Casa della Cultura si trova a fianco l’Urban Center e nacque come Casa della Gioventù Italiana del Littorio, una specie di palestra dove venivano formati fisicamente e ideologicamente i giovani durante il periodo fascista. All’interno vi era la palestra, l’ufficio per l’istruzione premilitare e la scuola guida, ora ospita invece una biblioteca e il centro informazioni di Tresigallo.

In fondo a Via 1° Maggio troverai invece il Consorzio Agrario e il S.A.I.M.M.

- Il Consorzio Agrario

Il Consorzio Agrario era un magazzino della capacità di 20.000 quintali, ed era adibito alla conservazione del grano. Ad oggi è un edificio comunale in corso di ristrutturazione per essere riutilizzato.

- Il S.A.I.M.M.

Il S.A.I.M.M. era una fabbrica metalmeccanica per la produzione di macchine agricole costruita secondo il concetto rossoniano di industria modello, dove accanto ai capannoni c'erano le abitazioni degli operai. Oggigiorno ospita laboratori di artigiani e piccole imprese locali.

E infine al termine di Via Filippo Corridoni il Cimitero.

- Il Cimitero

Il Cimitero è circondato da un muro di cinta tramite cui si accede da un enorme portale. Al suo interno si trova la tomba monumentale di Edmond Rossini, il fautore della rifondazione di Tresigallo così come la vediamo noi oggi.

Una particolarità che contraddistingue questo Cimitero è il fatto che è l'unico in Italia, nel suo progetto originale, dove non compare il simbolo della croce.

Sulla via del ritorno percorri via del Mare su cui troverai l’ex Mulino e infine, sulla sinistra, il bellissimo Parco degli Sceriffi Ecologici al cui centro sorge la splendida Colonia Post Sanatoriale.

- La Colonia Post Sanatoriale

Quando fu costruita, la Colonia ospitava solo donne che, durante la convalescenza, venivano preparate al reinserimento lavorativo. Ora la struttura è adibita a Poliambulatori medici e RSA.

- Il Parco degli Sceriffi Ecologici

Il parco che circonda la Colonia Post Sanatoriale è uno splendido spazio verde al di fuori del centro di Tresigallo, ricco di giochi per bambini, panchine e tavoli ottimi per un bel picnic!


Devo ammettere che visitare Tresigallo ha suscitato in me emozioni contrastanti: la visita è sicuramente stata estremamente interessante e non posso che consigliarla, si tratta infatti di una meta insolita e iconica, oltre che storica e sicuramente peculiare dal punto di vista architettonico. Il giro in sé mi è piaciuto molto ma se devo dire che è bella allora mentirei: è il mio gusto personale da ignorante in materia da architettura ma mi ha dato una percezione di eccessivo ordine, controllo e omologazione.. troppo autoritaria, mi è sembrato mancasse davvero la libertà e la vivacità.

Parlandone con Enrico, anche lui ha avuto quest’impressione: l’influenza del regime autoritario si sente decisamente e noi ci siamo sentiti quasi schiacciati da questi edifici che ti osservano imponenti dall’alto.

Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!


Buona gita!


Post correlati

Mostra tutti
bottom of page